Alitalia: solo Air One può salvarla

di Redazione Commenta

Solo Air One può salvare Alitalia“. Il presidente di Air One, Carlo Toto, afferma che solo la sua cordata, assieme a Intesa Sanpaolo, può garantire un futuro per la compagnia aerea della Magliana. In settimana dovrà riunirsi il cda per scegliere l’unico vincitore con cui trattare direttamente: oltre a Air One-Intesa Sanpaolo, c’è in gara anche Air France-Klm. «Il nostro piano è centrato su Alitalia con l’obiettivo di soddisfare – ha spiegato Toto nell’intervista – i bisogni concreti del mercato. Porteremo l’Italia verso il mondo e viceversa. Solo così si può rilanciare la compagnia, sostenere il TURISMO e aiutare l’internazionalizzazione delle nostre aziende». Per Toto «cedere la compagnia di bandiera – prosegue Toto – vorrebbe dire dare un pezzo di Italia a un grande gruppo estero. E quando si dovranno fare scelte strategiche, quali interessi crede che saranno privilegiati?». Riguardo al piano contenuti del piano industriale, che sarà illustrato oggi ai sindacati, Toto afferma al quotidiano romano che «oggi i due terzi della domanda italiana per i voli intercontinentali ha origine nel Lazio e nella Lombardia. È lì che vanno sviluppate le relative attività. Da Malpensa e da Fiumicino ci saranno almeno 11 nuove destinazioni con un aumento sostanziale delle frequenze settimanali. Il rinnovo e l’integrazione della flotta a medio-lungo raggio consentiranno di servire in modo adeguato lo scalo, il cui mantenimento e sviluppo preserverà anche il relativo indotto. Il problema di Alitalia non è Malpensa in sè, ma l’inefficienza del network e dei costi». Quanto alla futura eventuale conduzione del gruppo, Toto afferma che è «già stato individuato l’amministratore delegato: un manager forte, di statura internazionale».

Via | I Fatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>