Mostra fotografica Igor Eskinja Galleria Contemporaneo, fino al 28 marzo 2009, Mestre

di Blogger Commenta

Mostra fotografica Igor Eskinja Galleria Contemporaneo, fino al 28 marzo 2009,  MestreNon è solo una mostra fotografica ma diventa una questione di percezione, o meglio: di attenzione. Si entra distrattamente in un contesto allestito dal giovane artista Igor Eskinja – croato – che attualmente è una delle presenze emergenti a livello internazionale, come da segnalazioni di Manifesta 7, dove Igor Eskinja (giovanissimo! Infatti è del 1975) era presente nell’esposizione di Rovereto. Si può passare tra la differenza fra una fotografia, di certo accuratissima e di grande formato, che in questo caso ritrae una installazione e percepire l’installazione medesima nella sua concreta esistenza. Si susseguono giochi di dimensione visuale, si passa dal bidimensionale per perdersi nel tridimensionale nei complessi interventi, anche se ci si aspettano trucchi estremi per rendere questi effetti sappiate invece che sono estremamente semplici per i mezzi usati. L’indagine di Igor Eskinja si occupa di quella sottile presentazione di cose o di oggetti comuni dove ci si può confondere con la loro presenza all’interno dello spazio espositivo. Esiste una oscillazione evidente ed enigmatica, i lavori installati vengono fotografati, e la dimensione dell’intervento, contestualizzata allo spazio, viene registrata. Le fotografie rendono instabile la relazione fra ciò che è la presenza dell’oggetto e la registrazione fotografica del tutto. Realtà ed apparenza si mischiano per ottenere toni forti, diventando due termini dai confini indecisi, scambiandosi le parti, e lo spettatore nell’atto del percepire deve anche percepirsi. Si assume coscienza di sé, e di quello che stiamo osservando. Igor Eskinja dice: “Il mio interesse va a creare una situazione nella quale uno spettatore cercando di bilanciarsi sui limiti dello spazio crea una certa relazione mentale con lo spazio medesimo nel quale si trova in quel momento”. La sorpresa ha un ruolo fondamentale nel lavoro dell’artista ed è una sorpresa che si nota anche dalla povertà dei materiali usati, che riescono a rispecchiare una acutezza concettuale e un’estrema pulizia formale delle proposte. Che vengono sempre relazionate allo spazio espositivo, come alle superfici che lo delimitano e formano: le pareti, il pavimento, le soglie.

per maggiori informazioni
Igor Eskinja
Galleria Contemporaneo
P.tta Olivotti 2
30171 Mestre Venezia
www.galleriacontemporaneo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>