Giornata di Primavera del Fai: il 27 e il 28 marzo 590 monumenti aperti in tutta Italia

di Blogger Commenta

Giornata-di-Primavera-del-Fai-il-27-e-il-28-marzo-590-monumenti-aperti-in-tutta-ItaliaTorna la Giornata di Primavera del Fai (Fondo Ambiente Italiano), che per la diciottesima edizione aprirà eccezionalmente il 27 e 28 marzo 590 monumenti tutte le regioni d’ Italia. Saranno svelati bellezze e segreti di luoghi generalmente inaccessibili in palazzi, castelli, chiese, aree archeologiche, giardini. Quest’anno figurano per la prima volta Palazzo Chigi a Roma, sede della Presidenza del Consiglio, Casa Verdi a Milano, Palazzo della Banca d’Italia a Firenze, il Conservatorio di San Pietro a Majella a Napoli, la Villa Romana di Casignana, a Reggio Calabria, Palazzo Grimaldi della Meridiana, un gioiello appena restaurato.

LA GIORNATA DI PRIMAVERA
L’iniziativa, volta a sensibilizzare i cittadini alla conoscenza e alla tutela del patrimonio storico-artistico, coinvolgerà 225 località, con una particolare attenzione per i paesaggi. Sono infatti previsti itinerari ed escursioni, come quella (a piedi, a cavallo o in bicicletta) che ripercorre i santuari francescani di Rieti o attraverso la Devotissima Ortigia, il suggestivo centro storico di Siracusa. O, infine, il quartiere medievale di Sanremo, nella parte alta, chiamato la Pigna.

CONOSCERE IL PROPRIO PATRIMONIO
La Giornata di Primavera ha richiamato fino a oggi oltre cinque milioni di cittadini e rappresenta ogni anno di più uno sforzo collettivo per salvaguardare e valorizzare le meraviglia d’Italia, che spesso nessuno conosce. “Conosci il tuo patrimonio e impara ad amarlo e proteggerlo”, è dunque lo slogan della Giornata di Primavera 2010, in cui l’accesso gratuito ai monumenti si trasforma, ha spiegato il direttore generale Marco magnifico, in una “visita a contributo libero”. Non c’é ovviamente obbligo, ma anche un solo euro basterà a contribuire al finanziamento delle innumerevoli attività del Fondo per l’Ambiente Italiano, cui sono stati affidati nei 35 anni di vita palazzi, ville, parchi da salvaguardare e riportare alla fruizione del pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>