Crociera della musica napoletana di Msc, la quinta edizione

di Francesca Spanò Commenta

Ogni anno è un successo e adesso alla quinta edizione Msc è lieta di annunciare che il prossimo 22 settembre, partirà la Crociera della Musica Napoletana, dedicata ai successi partenopei. In primo piano Sal Da Vinci, figlio d’arte ed ambasciatore della napoletanità nel mondo e altri grandi artisti che gli appassionati conoscono bene. La nave sarà la Msc Orchestra per un viaggio di 8 giorni e 7 notti verso il Mediterraneo occidentale con tappe a Napoli, Livorno, Nizza, Valencia, Ibiza, Tunisi e Catania. Il “palazzo galleggiante” vanta 1.275 spaziose cabine, in grado di trasportare fino a 2.550 passeggeri, 5 differenti ristoranti di bordo e una serie lunghissima di attrazioni e comfort.

Soddisfatto Francesco Manco, Area Manager Sud Italia di MSC Crociere, il quale ha detto:

Siamo lieti anche quest’anno di ospitare a bordo di una delle nostre navi la quinta edizione della crociera dedicata alla musica napoletana, a testimonianza del forte legame che la compagnia ha con il territorio e la sua ineguagliabile espressione artisticaLe navi sono il contesto ideale per eventi di questo genere; l’offerta dei servizi di bordo, infatti, va al di là del prodotto crocieristico inteso in senso stretto.  La crociera è sì un momento di relax e divertimento ma anche l’occasione per dedicarsi alle proprie passioni e questa crociera darà agli ospiti interessati la possibilità di incontrare artisti partenopei di respiro internazionale”.

 

Tra gli artisti Msc Orchestra ospiterà il 22 settembre 2012 l’Ensemble Napulantica, interprete dei classici napoletani, Antonio Siano, allievo prediletto del Maestro Sergio Bruni ed il poliedrico Gianni Aversano, eclettico macchiettista che vanta concerti in Vaticano. Ancora, a rappresentare le arti figurative con una mostra estemporanea di pittura, gli artisti di Provoc’Arte coordinati da Enzo Ruju ed il Maestro Stefano Trapanese, specializzato nel riprodurre su tela i grandi del Seicento e Settecento. Spazio poi alla scultura con il maestro Marco Abbamondi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>