Vacanze in famiglia in Austria: quando andare a Burgenland

di Francesca Spanò Commenta

 

Un weekend o una vacanza più lunga: quel che conta è partire. Con la bella stagione in arrivo, ormai, spostarsi in famiglia per le ferie è un must e una buona idea potrebbe essere quella di volare a Burgenland. Un giro del genere, in effetti, si può organizzare tutto l’anno tra antichi palazzi nobiliari e cantine immerse tra filari di viti. Non manca un suggestivo lago.

Il clima di questo tratto di Austria, che prende appunto il nome di Burgenland è continentale pannonico ed è influenzato dal Mediterraneo. Questo significa ben 300 giorni circa di sole all’anno. Gli inverni sono miti mentre le estati sono calde e secche. Di solito a luglio la colonnina di mercurio non scende sotto i 19 gradi. Piove molto raramente e questo favorisce l’arrivo di turisti, anche perché soprattutto per i cittadini italiani, non servono grossi documenti per giungere. Bisogna essere in possesso semplicemente della carta di identità valida per l’espatrio o del passaporto in corso di validità. Si parla il tedesco e ricordatevi che in Austria la mancia è una consuetudine molto diffusa. Corrisponde, in genere, al dieci per cento del conto.

Se amate il wellness, durante un soggiorno di questo tipo dovrete fare tappa nella cittadina di Bad Tatzmannsdorf, dove non mancano le strutture dedicate al benessere. Bello è l’Avita Resort che comprende un hotel recentemente ristrutturato e le terme pubbliche. L’area delle piscine, inoltre, si estende su oltre 2mila metri quadrati tra laghetti, un ristorante e zone dedicate al relax. In giro in zona, potete pure visitare la cava-teatro. Ha un passato di duemila anni e sono stati ritrovati molti reperti risalenti all’epoca romana. La cava di pietro presso St. Martarethen, vicino al lago di Neusiedl è particolarmente affascinante. Nel tempo ci si è accorti che poteva diventare pure una quinta naturale e ogni estate va in scena il Festival di St. Margarethen, una rassegna musicale con artisti di fama mondiale.

Photo Credit: Häferl su Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>