Halloween, 4 hotel paurosi in cui dormire

di Valentina Commenta

Halloween, festa divertente e paurosa allo stesso tempo, se si è fuori merita un soggiorno in linea con la sua natura. Ecco 4 hotel perfetti per “dormire” fuori la notte del 31 ottobre.

halloween 4 hotel paurosi in cui dormire

1. Stanley Hotel e Shining

Se si ama Kubric e si adora alla follia Stephen King, soggiornare nell’hotel set del film Shining è un’occasione da non perdere. Certo, questo significherebbe avere prenotato una vacanza in Colorado negli Stati Uniti. Ma ne vale ben la pena di passare una festa come quella di Halloween in un simile contesto. Si racconta che la camera 418, ben prima dell’uso dell’albergo come set, fosse abitata da Flora Stanley, moglie del primo proprietario dell’hotel. Il fantasma della donna amerebbe ancora suonare strumenti e spiriti bambini si divertirebbero a spostare oggetti.

2. Talbot Hotel di Oundle e Maria Stuarda

Il Castello di Fotheringhay (Northamptonshire,Inghilterra), fu luogo di decapitazione di Maria Stuarda. Raso al suolo, alcuni suoi elementi vennero salvati e “distribuiti” in tutto lo stato. La scala dalla quale discese per raggiungere il patibolo divenne parte del Talbot Hotel di Oundle. E si racconta che spesso viene vista scendere e salire i gradini, spostare mobili e far cadere il proprio ritratto.

3. Langham Hotel ed i militari

Londra è una città piena di spiriti per eccellenza. Ma a quanto pare l’attività è imponente nella camera 333 del Langham Hotel. Napoleone III, un principe tedesco ed un fantasma in abiti vittoriani amerebbero “intrattenere” e tormentare gli ospiti.

4. Italy Family Hotel e le streghe

Più vicino a noi vi è l’Italy Family Hotel Rio Stava di Tesero (TN) dove pur non essendoci particolari fantasmi ai quali dare fastidio, si può partecipare ad una caccia alle streghe imponente e divertirsi tra musiche e balli.

Photo Credit | Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>