Sempre più giovani alle terme: cambia l’identikit del vacanziero salutista

di Blogger 1

Sempre-più-giovani-alle-terme-cambia-lidentikit-del-vacanziero-salutistaNon solo spiagge modaiole, o città che non dormono mai: i giovani ora cercano sempre di più il benessere e si trasformano in veri e propri ‘cacciatori’ di acque della salute, quelle termali. Scende infatti l’età di chi decide di passare le proprie vacanze, in particolare quelle autunnali, fra fanghi e aerosol. Rispetto al passato, infatti, oggi il termalismo non si esaurisce più nella sola domanda di prestazioni per curare le malattie acute e croniche o per la riabilitazione funzionale ma si passa sempre di più alla richiesta di trattamenti per il miglioramento del benessere psico-fisico e alla protezione della salute in senso lato. L’età media di coloro che frequentano gli stabilimenti, secondo i dati di Federterme, si sta progressivamente abbassando. E’ infatti scesa sotto la soglia del 40% l’incidenza degli anziani e si è attestata vicino al 25% quella delle persone con un’età compresa tra i 20 e i 45 anni. Sempre più giovani, quindi, che avvertono il bisogno di prendersi cura del proprio corpo.

Chi passa le vacanze alle terme oggi
Oltre che dei giovani, è andata anche pian piano consolidandosi la domanda di prestazioni termali da parte degli uomini: questi infatti assorbono oggi il 45% dei trattamenti sanitari ed il 21% dei servizi per il benessere. In mezzo a tanti cambiamenti, l’unico elemento che si mantiene relativamente costante nel corso del tempo è il tipo di patologie trattate presso i centri termali: le malattie delle vie respiratorie e i disturbi osteoarticolari continuano infatti a rappresentare ben il 70% del totale dei casi trattati, seguite a lunga distanza dalle affezioni dell’apparato gastroenterico, dalle dermatiti e dalle vasculopatie. Naturalmente, le cure erogate tendono a ricalcare per grandi linee la distribuzione delle patologie, essendo costituite per circa i 3/4 da terapie inalatorie (aerosol, docce nasali, ecc.), fanghi e bagni.

I bagni termali in Italia
Per la sua particolare conformazione geologica, ricca di fenomeni vulcanici, l’Italia è fra i paesi che vantano il maggior numero di aziende termali: nel 2009, in base alle rilevazioni condotte da Federterme, esse ammontano complessivamente a 378 unità, comprese le aziende che, pur disponendo di uno o più stabilimenti, esercitano quale attività principale la ricezione alberghiera. Così come nel precedente biennio, anche nel 2009 all’incremento del fatturato hanno contribuito in misura maggiore i ricavi derivanti dalle prestazioni per il benessere e dalle attività ricettive: essi hanno infatti segnato un aumento del 3,5% nella valutazione a prezzi correnti, superando la soglia dei 367 milioni di euro.
Tanto più se si tiene presente che i prezzi dei servizi forniti alla clientela degli stabilimenti avrebbero evidenziato una certa stazionarietà, grazie soprattutto all’effetto calmieratore esercitato dai listini delle cure e dai pacchetti promozionali offerti ai clienti.

Commenti (1)

  1. …. siamo giovani tutti così stressati che, per rilassarsi, le terme sono sempre un piacere!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>