Storie di navi e relitti, in mostra a Camogli fino al 16 ottobre

di Blogger Commenta

Storie di naufragi e di relitti. Le racconta una mostra allestita presso la millenaria Abbazia di san Fruttuoso di proprieta’ del Fai. Fra i tanti naufragi evocati c’e’ anche quello della pirofregata inglese ‘Croesus’ , salpata da Genova per la Crimea carica di soldati piemontesi nel 1855 e arenatasi in fiamme davanti a San Fruttuoso. Solo grazie all’abnegazione delle sorelle Caterina e Maria Avegno la maggior parte dei naufraghi riusci’ a salvarsi. Maria Avegno, deceduta durante i soccorsi, e insignita della Victoria Cross, prestigiosa onorificenza britannica, riposa nella Cripta dei Doria all’Abbazia di San Fruttuoso.
La mostra, aperta fino al 16 ottobre presso la Sala Capitolare dell’Abbazia e la Torre Doria, e’ stata realizzata dall’Associazione Culturale Echi di Liguria in collaborazione con il Comune di Camogli.

Storie di navi e di relitti
Il percorso di visita si sviluppa per nuclei tematici con l’esposizione di fotografie, reperti originali, dipinti d’epoca, modelli navali, ex-voto marinari, documenti e impianti didascalici in grado di facilitare la comprensione del pubblico. Il viaggio prosegue attraverso la riscoperta dei resti di una nave romana e di una cinquecentesca caracca spagnola.
Esplorando poi vari mercantili, si arriva all’ultimo eccezionale ritrovamento nell’Area Marina del Parco di Portofino: un U-boot (ovvero un sommergibile) tedesco perfettamente conservato, avvolto dalla natura prepotente e meravigliosa.
Nella sala video allestita per l’occasione, viene proiettato un filmato realizzato da subacquei documentaristi per varie emittenti televisive internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>