Vacanze 2011, meno della metà degli Italiani partirà. Ecco gli effetti della crisi

di Blogger Commenta


Meno della metà degli italiani andrà in vacanza nell’estate 2011. Colpa della crisi economica, che non accenna a riportare i soldi nelle tasche degli italiani, e anzi fa segnare la situazione del turismo italiano ai livelli di quell’estate “horribilis” del 2009, quando a muoversi per una vacanza furono solo i più fortunati.
A riconfermare il trend è un’indagine dell’Osservatorio Europcar-Doxa, che ha tracciato un’analisi di quanti andranno in vacanza e dove.

Le stime per l’estate 2011
Secondo lo studio di Europcar-Doxa, il 51% degli Italiani non andrà in vacanza. Del restante 49%, il 71% (il 35% del totale) andrà al mare; il 6% andrà in montagna e il 4% sceglierà le città d’arte. Seguono poi il lago e la campagna (il 2%) e le vacanze itineranti (un altro 2%).
La stragrande maggioranza di chi potrà permettersi le ferie (il 76%) non starà via per più di due settimane ed il 74% resterà in Italia.

Le destinazioni preferite
Anche le mete si ridimensionano in base al portafogli, così quest’anno niente Sardegna, ma una più economica Puglia, e l’immancabile chip&chic Emilia Romagna. Anche Sicilia e Toscana restano nel cuore degli italiani, ma si sa… qui il prezzo scoraggia molti.
Quelli che invece opteranno per l’estero, si dirigeranno principalmente in Grecia, Croazia e Francia, principalmente in auto. Stabili le partenze di chi viaggia in treno e invece sempre meno sono quelli che partiranno in aereo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>