Turismo montano: la stagione sciistica chiude in perdita

di Redazione Commenta

Stagione sciistica 2010/2011: un disastro, o poco ci manca. Skipass Panorama Turismo, un osservatorio permanente sul turismo montano, ha pubblicato i dati consuntivi del turismo sciistico in Italia, che ha chiuso con -5,1% secco. I dati parlano chiaro: meno turisti (-2,4%), meno fatturato (-3,1%), aumento medio dei prezzi (+1,5%) e meno stranieri. Se si prende in considerazione anche l’indotto, il calo del fatturato aumenta, così come quello delle presenze. A resistere sono Cervinia, Courmayeur, Bormio, Livigno e Sestriere. Quelle che hanno fatto peggio sono state invece Canazei, Madonna di Campiglio e Ortisei.

CHI TOCCA LA CRISI
Sembra proprio che la gente abbia meno soldi in tasca e quei soldi in meno vengono risparmiati tenendo a freno sulle lezioni di sci e sui costi per gli Skypass. Infatti i gestori degli impianti lamentano che, nonostante abbiano ammodernato e migliorato gli impianti, questo non ha influito sui flussi turistici.
E anche sui negozi e gli esercizi commerciali, gli unici a tenere sono quelli di gran lusso. La gente comune, insomma, spende meno.

IL WEEK-END BIANCO
Addio settimana bianca, sembrano infine dire i dati… in pochi possono ormai permettersi un’intera settimana sugli sci. Di bianco, ormai, c’è solo un week-end. E’ la fine di un’epoca?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>