La Giornata Europea della Cultura Ebraica: la dodicesima edizione

di Francesca Spanò Commenta

Manca pochissimo ormai e nel weekend, precisamente domenica 4 settembre 2011 per la dodicesima volta si festeggerà la Giornata Europea della Cultura Ebraica. Il tema di quest’anno è [email protected] 2.0: dal Talmud a Internet e ancora una volta l’intenzione è quella di avvicinare alla storia e alla tradizione ebraica chi ne conosce pochissimo sia del suo presente che del passato. In questo caso, lo spunto sarà costituito dai mezzi dell’epoca moderna e di come questi hanno eventualmente influenzato una cultura così radicata e affascinante.

Ecco quindi che per l’occasione in tutto il Belpaese i quartieri ebraici saranno maggiormente fruibili, sarà possibile visitare  musei e sinagoghe con visite guidate e l’occasione sarà perfetta ad esempio per scoprire il ghetto ebraico di Venezia. Se apprezzate l’arte sotto ogni punto di vista, potrete accostarvi anche a particolari stili musicali, una speciale gastronomia e prendere parte a spettacoli teatrali, mostre, concerti e degustazioni.

 

Da più di due lustri si celebra, ogni prima domenica di settembre, la Giornata Europea della Cultura Ebraica ed è un vero e proprio evento in quanto è un pezzo della nostra tradizione e un immenso patrimonio che ognuno dovrebbe poter apprezzare da vicino. Vi prendono parte ben 27 paesi europei e 62 città italiane, tra le quali spicca Siena, che stavolta darà inizio alla giornata.Particolarmente interessante l’attuale tema che riguarda il rapporto dell’ebraismo con la modernità, un tema tutt’altro che pesante o fuori luogo, ma che anzi illustra attraverso il tempo come una forma culturale tra le più variegate è riuscita ad evolversi. Le tematiche toccate riguarderanno perciò la ricerca scientifica, tecnica, informatica e la loro relazione con la cultura ebraica e con il Talmut. Informazioni dettagliate, comunque, potete trovarle sul sito della Giornata europea della Cultura Ebraica per poter scoprire quali sono gli appuntamenti della propria città e non perdersene nemmeno uno. Ne vale, come ogni anno del resto, davvero la pena.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>