Olanda: in giro per mercati

di Redazione Commenta

 

Andar per mercati in Olanda è quanto di più rilassante ci possa essere alla ricerca di prodotti locali o anche di manufatti dell’artigianato o ancora di capi alla moda. In linea di massima in ogni città e villaggio se ne trova almeno uno per un giorno a settimana. Ci sono poi pure quelli specializzati, come i mercatini agricoli con prodotti freschi e genuini, che si possono andare a prendere al mattino per un pranzo dai sapori di una volta. Per i collezionisti ancora non mancano quelli di antiquariato e le fiere di libri. Qualche esempio? Andiamo a scoprire insieme i più famosi:

Se amate tale tipo di passeggiate tra bancarelle e oggetti colorati, non perdete i mercati di Alkamaar, Edam e Gouda. Non mancano quelli delle pulci con i commercianti e i privati che vendono beni di seconda mano. Il più grande del settore, a tal proposito, si tinee il Koninginnedag, il giorno della Regina. In quella occasione metà del Paese prova ad eliminare tutti gli oggetti inutilizzati e, quindi, indesiderati e comincia a venderli per strada. Per molti versi si può trattare di un affare, se si trova qualcosa che piace e serve.

 

Le fiere poi sono amatissime in Olanda e si tengono un paio di volte l’anno. La maggior parte dei mercati inizia alle 9:30 e finisce alle 16 o 17 e alcuni aprono solo la mattina o il pomeriggio. Chi colleziona oggetti antichi non si annoia proprio nei Paesi Bassi e con un pò di fortuna si potranno comprare degli oggetti interessanti nei negozi che vendono oggetti di seconda mano. La maggior parte dei negozianti è specializzato in un periodo o in un settore in particolare, ma non mancano le aste come Sotheby’s  e Christie’s. Non perdete però la Nieuwe Spiegelstraat di Amsterdam dove potrete trovare vetro, stampe antiche, dipinti, e ceramiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>