Il Castello di Udine e la mostra “il giovane Tiepolo”

di Francesca Spanò Commenta

 

Uno splendido contesto per una interessante mostra. Il Castello di Udine fa da ottimo scenario alla esposizione “Il giovane Tiepolo. La scoperta della Luce” che sarà visitabile fino al prossimo 4 dicembre 2011. Si tratta di 33 grandi tele e disegni che fanno parte di collezioni pubbliche e private di respiro internazionale. Non mancano di certo le opere più rappresentative appunto dei suoi primi anni di lavoro, per ricostruire l’attività di Tiepolo antecedente al suo soggiorno udinese del 1726. Grande attenzione poi è prestata al periodo del suo apprendistato alla bottega del pittore accademico Gregorio Lazzarini. L’artista qui visse un periodo intenso artisticamente in cui acquisì molta esperienza, perchè si è potuto confrontare con i modelli della tradizione figurativa del Cinquecento.

Nello stesso tempo, poi, non ha spostato la sua attenzione da personaggi noti nel periodo a lui contemporaneo. Parliamo ad esempio di Federico Bencovich e Giambattista Piazzetta così come all’interpretazione luminosa dell’immagine. Nell’esposizione l’attenzione è puntata del tutto  sulla visione tiepolesca della luce, un concetto forse un pò complesso per chi non è a diretto contatto con il lavoro artistico ma i risultati sono bene evidenti a tutti.

 

Questo percorso è seguito attraverso il tracciato di una attività che va dalle tele dipinte per la chiesa veneziana all’Ospedaletto e che arriva poi fino al ciclo di affreschi realizzati proprio a Udine nel Palazzo Patriarcale. I visitatori, quindi, tra i capolavori in esposizione potranno notare l’evoluzione da una pittura costruita nella luce secondo particolari tecniche e fonti luminose interne all’immagine. Successivamente vedranno poi nuove forme e volumi generati dall’energia luminosa della materia trasformate in disegni. L’esposizione è inserita all’interno del Castello di Udine, nel Salone del Parlamento e gli orari di apertura della mostra vanno da martedì a domenica dalle 10:30 alle 19. Per arrivare in loco, basta prendere la A4 poi la A23 con uscita Udine per un evento davvero molto importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>