Tour in Francia: cosa non perdere

di Francesca Spanò Commenta

 

La Francia è uno spettacolo, un luogo di bellezza forse a volte insospettabile e sicuramente sottovalutata ed è pure vicina all’Italia. Tuttavia, è piuttosto grande e se è vero che in una volta non riuscirete a scoprirne tutte le peculiarità per quanto il viaggio possa essere lungo, è altrettanto sicuro che è il caso di dividere le proprie escursioni partendo dalla parte nord o da quella sud. Che cosa non perdere comunque in Francia?  Vediamolo insieme:

  • il Louvre che ospita una delle collezioni più grandi del mondo.
  • la Cattedrale di Amiens, il più grande edificio gotico del Paese che al tramonto da il meglio di sè.
  • Bordeaux, splendida non solo per i vini.
  • Annecy
  • Mont-Saint-Michel, un simbolo francese secondo solo alla Tour Eiffel.
  • organizzare la vacanza durante l’evento sportivo più importnte: il Tour de France.
  • Carnac, in Bretagna, considerata tra le regioni più ricche al mondo in quanto a reperti archeologici.
  • villaggi medievali della Provenza.
  • presa della Bastiglia
  • Saint-Ouen: carica di bancarelle di antiquariato e di pregevoli realizzazioni artigianali.
  • provare una cena in un bouchon di Lione.
  • Abbazia di Fontenay: un monastero che si trova in Borgogna e  si tratta di un antico complesso monastico, tra i meglio conservati al mondo.
  • castelli catari.
  • Jardin du Luxembourg: il parco più bello di Parigi è perfetto per rilassarsi un pò.
  • Gorge de L’Ardèche.
  • Canal du Midi
  • dare una occhiata ai cimiteri di guerra legati alle due Guerre Mondiali, che hanno lasciato grosse cicatrici nel paesaggio del luogo.
  • Les Calanques.
  • i castelli della Loira: il più bello resta quello di Chambord ed è anche molto vasto. In più lo scalone a doppia spirale è stato disegnato da Leonardo da Vinci.
  • Carcassonne
  • l’arte preistorica
  • l’arazzo di Bayeux: è lungo circa settanta metri e descrive nei minimi particolari l’invasione normanna dell’Inghilterra del 1066. Si tratta di una delle più belle opere d’arte del Medioevo.
  • andare in giro per i mercati delle varie cittadine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>