Weekend enogastronomico a Imperia: dal 18 al 20 novembre, Olioliva la Festa dell’Olio Nuovo

di Redazione Commenta

 

L’appuntamento con il gusto e con la buona cucina è a Imperia, precisamente nel rione Oneglia, nel weekend dal 18 al 20 novembre 2011, quando sarà di scena Olioliva-Festa dell’Olio Nuovo, il salone gastronomico a tema che premia l’elemento base della dieta mediterranea in tutte le sue forme. Molto fitto di appuntamenti il programma che avrà come location il Villaggio Olioliva allestito in Calata G.B Cuneo a partire da venerdì 18 con la presentazione dei prodotti enogastronomici locali e di quelli tipici e legati pure all’artigianato della Sardegna. La regione, infatti, è l’ospite d’onore della manifestazione. Si passa, quindi, a sabato 19, quando si potrà prendere parte a laboratori per la preparazione del pesto e di altre salse dove non manca il basilico, la maggiorana e il timo. Queste erbe sono legate profondamente alla tradizione tra i fornelli del Ponente Ligure.

Incontri particolari saranno poi previsti per parlare e conoscere da vicino la pescaturismo e l’olio di oliva in cioccolateria. Domenica 20, ancora, sarà il momento dei laboratori sull’arte di impastare con l’acqua, l’olio extravergine e la farina. Si passerà dunque alla degustazione dell’olio extravergine e delle olive in salamoia e si parlerà dei prodotti tipici sardi. Ancora, ampio spazio sarà dedicato ai vini D.O.P del Ponente Ligure.

Durante la tre giorni, poi, sono previsti corsi di cucina mediterranea, mostre fotografiche e pittoriche a tema, OliOliva Shopping, Art&Pane, maestri panificatori all’opera. Per chi desiderasse prenderne parte, ancora, ecco che sarà possibile prenotare delle visite guidate a Villa Grock, al Museo dell’Olivo e al frantoio di via Garessio con orario dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18:30. L’ingresso alla manifestazione è libero e per arrivare da queste parti da Genova, dovrete prendere l’autostrada dei Fiori Genova-Ventimiglia, uscita Imperia Est per un appuntamento interessante e non solo per il vostro stomaco, quanto per mantenere vive le nostre tradizioni culinarie, per imparare, amarle e trasmetterle alle nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>