Palermo: no ai botti a Capodanno 2012

di Francesca Spanò Commenta

 

Alla fine anche Palermo si è adeguata con una novità che a noi personalmente piace moltissimo ma che, ovviamente, farà infuriare moltissime persone che a sparare i botti a fine anno ci tengono tanto e lo trovano divertente. C’è chi invece lo ritiene pericoloso, qualcuno pensa alla paura che possono provare gli animali o al fastidio di questi rumori di massa che fanno sussultare. A mezzanotte, poi, quasi ovunque, sembra che inizi la guerriglia. In questo modo da Milano a Torino, da Venezia a Bari e ora pure nel capoluogo siciliano, chi verrà beccato nell’atto di accendere qualcuno di quegli “ordigni” illegali che vengono messi a punto per l’occasione rischierà multe salate.

A Palermo il sindaco Diego Cammarata ha firmato l’ordinanza che vieta di utilizzare in città tutti i tipi di fuochi pirotecnici dalle 20 alle 7 del mattino del 1 gennaio. I trasgressori potrebbero pagare fino a 550 euro e il Codacons invita pure gli altri comuni ad adeguarsi. No ai botti di Capodanno nei luoghi pubblici e anche se sono in libera vendita nella notte tra il 31 dicembre 2011 e il primo gennaio 2012, a partire dalle 20 e fino alle 7 del giorno successivo dovranno restare spenti, nella speranza che non ci si scatenerà dopo a divieto finito.

Come ha detto lo stesso Cammarata: “Il nostro obiettivo è quello di garantire la sicurezza dei cittadini, soprattutto dei ragazzi e dei bambini, spesso vittime innocenti di un uso scellerato dei botti. Speriamo che un’aumentata consapevolezza della loro pericolosità, soprattutto nel caso di quelli venduti illegalmente, contribuisca a evitare il loro utilizzo. Si può dare il benvenuto all’anno nuovo anche senza utilizzare botti e fuochi d’artificio che possono risultare pericolosi come l’esperienza ci ha, purtroppo, insegnato”. Nessuno sconto poi ai venditori ambulanti che li proporranno ai minori di 18 anni e devono stare attenti tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, lastrici solari, luci e vedute perchè non potranno sparare. In tutta la Sicilia in queste ore sono stati moltissimi i sequestri, mentre il Codacons ha diffidato i sindaci dei 388 comuni siciliani che, a differenza dei primi cittadini di Palermo ed Agrigento, dopo l’appello lanciato dal segretario nazionale Francesco Tanasi, non hanno ancora bloccato lo sparo dei fuochi d’artificio per la notte di Capodanno.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>