Costa Allegra a Mahé: incidente con lieto fine

di Francesca Spanò Commenta

No, è stata scongiurata una “seconda Costa Concordia“. Del resto gli incidenti erano di diversa natura e il comandante sembra aver gestito al meglio l’emergenza. Il dramma era iniziato tra giorni fa, quando Costa Allegra, della compagnia Costa Crociere aveva dato l’allarme trovandosi alla deriva tra Madagascar e Seychelles. A bordo era infatti scoppiato un incendio proprio nella sala macchine, presto domato ma capace di lasciare pesanti danni, non ultimo la mancanza quasi totale di energia elettrica. In questo modo tra caldo soffocante e un certo senso di angoscia iniziale i passeggeri si sono ritrovati alla deriva tra Madagascar e Seychelles, fino a quanto un rimorchiatore non ha iniziato a trainare il “palazzo galleggiante” verso Mahé. Questa mattina è arrivata e i passeggeri stanno tutti bene.

In questi giorni, il gigante ferito ha rischiato anche di essere attaccato dai pirati senza contare che in fondo non è piacevole non potersi lavare bene per molte ore e ricevere pane e viveri da un elicottero la mattina. Non è decisamente un buon momento per Costa Crociere però che adesso si trova comunque a dover gestire anche questa situazione. L’arrivo al porto delle Seychelles della nave è stato accolto da un caloroso applauso da parte dei presenti, mentre molti dei crocieristi hanno deciso comunque di proseguire il soggiorno in questo microcosmo dai tratti tropicali. Nel frattempo, invece, chi tornerà a casa è stato accolto all’interno di tende o strutture ricettive per potersi rinfrescare e anche riposare.

A bordo si trovavano ben 627 turisti e 78 hanno scelto di continuare la loro vacanza sull’isola, mentre ricordano i disagi delle ultime ore: “Abbiamo passato le notti ammucchiati sul ponte. Era impossibile rimanere in cabina”. Questo perché il guasto agli impianti di condizionamento impediva di restare nella propria stanza in modo confortevole e senza sentire un caldo infernale, ma alla fine tutti hanno apprezzato il modo di agire del capitano ed hanno capito che questi tipi di incidenti sono rari per fortuna, ma possono capitare. Questa volta, poi, il lieto fine ci voleva proprio, anche per ridare fiducia ai clienti in un settore che era in grande crescita e che in queste settimane invece spaventa un pò.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>