Africa leggende: l’origine della morte

di Redazione Commenta

Se lo chiedono tutti, in ogni Paese del mondo e da sempre: qual è l’origine della morte? Magari ha radici religiose, ma a livello scientifico perché ciò avviene e da quando? Domande che rischiano di sembrare poco intelligenti forse, ma che sono profondamente legate ad ognuno di noi. In questo modo anche in Africa, nel tempo, ci si è posti dei quesiti e allora le generazioni più antiche hanno trovato ausilio nelle leggende e hanno tramandato dei racconti a tema a figli e nipoti. Proprio una delle storie d’Africa più note parla di quando si è presentata e come ha conquistato, loro malgrado, tutti gli uomini e gli esseri viventi della terra:

L’origine della morte

La Luna una volta mandò un insetto agli uomini dicendo:

– Và dagli uomini e di loro: “Come io muoio, e morendo vivo; così anche voi morirete, e morendo vivrete”.

L’insetto partì con il messaggio, ma mentre era in cammino lo raggiunse la lepre, che gli chiese:

– Che incarico ti hanno dato?

L’insetto rispose:

– Mi manda la Luna dagli uomini a dir loro che come lei muore e morendo vive, così loro moriranno e morendo vivranno.

La lepre disse:

– Visto che come corridore tu vali poco, ci vado io.

Dette queste parole scappò via, e quando giunse dagli uomini disse loro:

– La Luna mi manda a dirvi: “Come io muoio e morendo perisco, allo stesso modo anche voi morirete e sarete finiti per sempre”.

Poi la lepre tornò dalla Luna e le disse quello che aveva detto agli uomini. La Luna la rimproverò imbestialita, dicendo:

– Come ti permetti di dire alla gente una cosa che io non ho detto?

La Luna afferrò un pezzo di legno e colpì la lepre sul muso. Da quel giorno la lepre ha il muso spaccato, ma gli uomini credono a ciò che la lepre ha detto loro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>