Caffè in Etiopia, un rito nazionale e una cerimonia particolare

di Redazione 1

 

Un rito nazionale, una abitudine, una peculiarità che ha reso l’Etiopia famosa in tutto il mondo, quella del caffè. E’ in pratica il suo Paese di origine e qui ha un nome curioso. Viene detto, infatti, “bunna”. Del resto, parliamo dell’unico luogo al mondo in cui si trovano piante allo stato selvatico e in primo piano, in questo senso, c’è la foresta di Harenna, una delle più grandi del Paese. Sorge tra le montagne del Parco Nazionale del Bale, 350 km a sud della capitale Addis Abeba.

Esistono molte leggende in merito, una fra queste, la più famosa, parla della leggenda del  pastore Kaldi che avrebbe notato irrequietezza tra le sue pecore dopo che avevano brucato delle bacche particolari. Vera che sia o meno questa storia, l’Etiopia resta molto importante non tanto a livello turistico, quanto proprio per la sua peculiare cerimonia del caffè. Al termine della cena, quindi, una delle donne di casa sparge erba fresca per terra, per portare dentro un po’ della fragranza e della freschezza che c’è fuori.

A questo punto, decide di sedersi su di uno sgabello basso, accanto a un braciere di carbone e accende l’incenso. Comincia ad arrostire i  chicchi verdi di caffè, agitandoli in una scodella concava per farli tostare uniformemente e, quando sono pronti, torna al tavolo e agita la scodella bollente affinché tutti ne possano odorare la fragranza. E’ il momento di polverizzarli con mortaio e pestello e di tornare in pubblico con la classica brocca d’argilla tonda e panciuta alla base. Vi riscalda dell’acqua dentro, aggiunge il caffè e porta il tutto a bollore. La bevanda è pronta e può versarla nelle tazze senza manico, può aggiungere lo zucchero e un  ramoscello di ruta. Il suo gusto non è amaro e quando tutti ne hanno gustato l’aroma prepara il secondo giro di caffè sempre con gli stessi chicchi ed, eventualmente, pure il terzo.

 

Commenti (1)

  1. Ciao Francesca e grazie del post! Personalmente non conoscevo il rito del caffè in Etiopia e l’ho trovato molto interessante.
    Io conosco la leggenda sulle origini del Caffè in Etiopia fra gli Oromo, che racconta come il caffè sia l’unica pianta nata non dalla pioggia, ma dalle lacrime della divinità suprema Waqa, che si commosse sulla tomba di un uomo, morto vittima di una punizione inflitta dalla divinità stessa.
    Waqa aveva offerto all’uomo la possibilità di conoscere il giorno della sua morte, che gli avrebbe comunque permesso di vedere cinque generazioni di nipoti; l’uomo si rifiutò di conoscere la sua sorte, e disse alla divinità che lui non voleva morire, che voleva vivere in eterno come Waqa.
    Per questo il Dio lo punì con la morte immediata, ma una volta giunto sulla tomba aperta dell’uomo, si commosse e dalle sue lacrime nacque una pianta di caffè. E’ per questo che il caffè viene prima di ogni altro rituale, perchè fu benedetto fra gli altri alberi, dalle lacrime della divinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>