New Orleans: Isaac ora è un uragano

di Francesca Spanò Commenta

 

New Orleans non sarà evacuata, ma questo non significa che la situazione sia del tutto sotto controllo. Del resto è arrivata la notizia ufficiale, quella stessa che un pò di temeva. Isaac è ormai un uragano, ma per il momento la categoria di appartenenza si mantiene bassa. Nella scala, infatti, permane il grado 1 mentre potrebbe arrivare fino a 5. I suoi venti, invece, viaggiano infatti a più di 119 km/h. Ormai si sta avvicinando e anche con una certa velocità al Golfo del Messico e al fiume Mississippi. A monitorare quanto succede, il centro nazionale Usa per gli uragani, il quale comunica che il centro della perturbazione è a circa 235 chilometri a sudest della foce del Mississippi e si muove verso nordovest a 19 chilometri all’ora.

In poche parole dovrebbe terminare il suo viaggio in 12 ore. In ogni caso, l’allerta uragani resta attivo dalla zona est di Morganbe City (Louisiana) fino al confine tra Alabama e Florida. In questa area si trova compresa New Orleans, che sette anni fa fu devastata dall’uragano Katrina. Da tali parti, quindi, la gente è comprensibilmente terrorizzata e sono comunque ore di grande tensione in questa parte di America.

Gli esperti, però, tranquillizzano e dicono che Isaac dovrebbe restare a livello 1 e difficilmente arriverà al 2. Il sindaco di New Orleans, sentendosi rincuorato ha deciso quindi di non fare sgomberare la città, nonostante le contee circostanti siano ormai vuote. Lui stesso ha commentato che non pensa accadrà ciò che è avvenuto con Katrina, ma in ogni caso l’area ha raggiunto una fase per cui una evacuazione obbligatoria potrebbe non essere utile. Ne è convinto  Martin Landrieu, primo cittadino di New Orleans. Sono stati allontananti soltanto coloro che si trovavano in posti dove non c’era protezione con gli argini e il rischio inondazione era piuttosto fondato. Adesso sono al sicuro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>