Sardegna zona franca: niente più Iva!

di Giulia T Commenta

La Sardegna zona franca? Potrebbe diventare realtà, grazie ad una delibera regionale, firmata dal presidente Ugo Cappellacci, che ha di fatto trasformato la Sardegna in una zona con un regime doganale autonomo, esteso a tutto il territorio. Il tutto per arginare la dilagante crisi economica, diminuendo spese come iva e benzina. Pare che l’iniziativa sia stata presa dal presidente della Regione, Ugo Cappellacci, lo scorso 7 febbraio, il quale ha chiesta formalmente la modifica del regolarmente della regione, inserendo tra i territori extradoganali dell’Italia anche quello della Sardegna e delle sue isole minori.

Il 12 febbraio la richiesta è giunta alla Commissione Europea che ha inserito la Sardegna nell’elenco delle zone franche italiane unitamente a Livigno e Campione: l’istituzione della zona franca consente compensare lo svantaggio relativo alla natura insulare e ultraperiferica della Sardegna, di limitare il fenomeno dello spopolamento dell’isola e di mantenere la pace sociale, come si legge nella richiesta avanzata. Una bella novità che potrebbe attirare molti più turisti, ammaliati non solo dalle splendide spiagge e dai territori incontaminati ma anche dalla possibilità di un concreto risparmio!

I 240 consigli comunali dell’isola si sono espressi a favore di questa misura, che entrerà in atto ufficialmente il 24 giugno 2013. A partire da quel momento sul territorio sardo non esisterà più il ricarico sui prodotti dell’Iva e il costo della benzina calerà, dando un maggiore impulso  all’economia regionale. Pare però che la cosa sia passata in sordina e che inizino i primi malumori, tra quanti non erano a sìconoscenza della richiesta presentata dalla Giunta regionale. Un incentivo però per tutti coloro che non sanno ancora dove andare in vacanza questa estate: la Sardegna abbatterà i prezzi e consentirà di acquistare i prodotti tipici senza il rincaro dell’iva, rispetto al resto delle località turistiche del territorio. Attenderemo fine stagione per la verifica dei risultati economici!

Foto credits: Flickr foto by Aadm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>