San Marino, tra storia e leggende

di Redazione Commenta

 

La Repubblica di San Marino pur trovandosi a pochissima distanza dal territorio italiano, è simbolicamente separata e superata la frontiera i visitatori si trovano davanti la scritta: “Benvenuti nella Terra della Libertà“. La sua storia è legata ad un periodo di 1.700 anni fa, quando un semplice scalpellino Marino, che arrivava dalla Croazia, precisamente da Rab giunse a Rimini per ricostruire le mura della città. Parliamo praticamente del 257 d.C. Era un cristiano e per pregare e meditare scelse di rifugiarsi sul Monte Titano. Si dice che la città fu costruita quando morì. La città-Stato a lui dedicata è la più antica del mondo.

San Marino ha sempre difeso la sua indipendenza, tra tolleranza ed uguaglianza e di fronte ad un patrimonio culturale come pochi, ma pure architettonico e naturalistico. Questo ha portato la città, nel 2008, ad essere riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Da queste parti si può arrivare in aereo, ad esempio. In questo caso, gli aeroporti più vicini sono il Fellini di Rimini, il L.Ridolfi di Forlì, il G. Marconi di Bologna. Per chi giunge in treno, invece, la stazione di riferimento è Rimini, collegata a San Marino con autolinee. In autobus, c’è la linea San Marino-Rimini e in auto, infine, da sud basta prendere la A14 Bologna-Ancona uscita Rimini Sud, poi superstrada Roini-San Marino. Da nord, invece, A14 Bologna-Ancona uscita Rimini nord e poi Strada Provinciale 258 “Marecchiese”.

Le tradizioni di San Marino, sono molto legate anche all’artigianato, a cominciare dall’antica produzione di ceramica dipinta a mano. Con l’occasione, non mancano le feste e le rievocazioni storiche durante tutto l’anno. Interessante, a questo proposito, il 3 settembre, la Festa della Repubblica con il Palio organizzato dalla Federazione dei Balestrieri Sammarinesi. Ci sono poi preziose emissioni filateliche e numismatiche locali che interessano non solo i collezionisti. Insomma, la Repubblica ha un suo grande valore dentro e fuori i confini nazionali che vanno scoperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>