Pasqua 2013 a Procida: bellezza e spiritualità

di Redazione Commenta

 

Un angolo di paradiso adagiato sul Mediterraneo: questa è Procida che per la Pasqua ormai imminente è pronta a regalare il meglio di sé tra tradizioni e spiritualità. Durante la settimana in arrivo molte saranno le processioni, ma quel che più lascia senza parole è che hanno mantenuto lo stesso stile di quelle del XVI secolo. Tuttavia, già da inizio marzo, Procida si veste di festa, quando è possibile vedere dal vivo una delle usanze isolane più sentite, cioè la costruzione dei cosiddetti Misteri. Questi rappresentano i passi salienti della vita di Cristo. Nonostante il cattivo tempo in tutta Italia di questi giorni, poi, non disperate perché i raggi caldi fanno sempre capolino e sono pronti a spuntare da un momento all’altro.

Nella Settimana Santa, la tradizione fondamentale è quella che inizia alle prime luci dell’alba del Venerdì Santo da Terra Murata. Si tratta di una cittadella medievale che rappresenta la parte più antica dell’isola e sorge su un ripido costone di tufo.  La distanza dal mare è di circa 90 metri. Nella notte tra giovedì e venerdì, si percorre a piedi una ripida salita  e vengono portati i misteri, cioè i carri realizzati dai giovani dell’isola con foglie, gesso, cartapesta e legna. Non mancano i manichini che rappresentano Gesù e le fasi della sua crocifissione.

Si tratta di opere d’arte anche molto costose ed, infatti, presto potrebbero essere riconosciuti come patrimonio immateriale dell’Umanità dell’Unesco. Interessante, poi, è il corteo degli Apostoli, a cura dell’Arciconfraternita dei Bianchi del SS: Sacramento. Il giovedì sera i 12 confratelli, sfilano per le strade preceduti dal “centurione”. Hanno i simboli della penitenza che sono la corona di spine, la croce nera e così via e intonano il tradizionale canto del Vi Adoro. Per i fedeli quello è un richiamo per recarsi in chiesa a pregare e rispondono ogni anno veramente in tanti a dimostrazione di come la fede e la tradizione siano ancora particolarmente vive in questa zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>