Viaggio romantico in Germania nel cuore della Renania

di Marco Valeri Commenta

179027564

Forse non tutti sanno che proprio nel cuore dell’Europa, in Germania, si nasconde una regione ricca di bellezze naturali e di storia, particolarmente adatta per organizzare piccoli e grandi viaggi romantici al riparo dalla vita frenetica di tutti i giorni. Si tratta della regione tedesca della Renania – Palatinato, che prende il nome dal maestoso fiume che l’attraversa: il Reno.

Un viaggio romantico nel cuore dell’Europa

La regione tedesca della Renania è infatti solcata dal lungo corso del fiume Reno che qui crea la grande Valle del medio Reno Superiore, creando un microclima particolarmente mite e adatto alla coltivazione della vite. I vigneti, infatti, in Renania, sono un elemento caratteristico del paesaggio insieme alle sue verdi colline e alture.

La Valle del Reno è oggi patrimonio dell’UNESCO, ma la regione è irrigata anche da altri importanti fiumi, di minore portata. Lungo le sponde di questi lunghi e calmi corsi d’acqua sorgono numerosi villaggi e città, dalle origini antiche. La zona della Renania è infatti stata sempre abitata da etnie di diversa origine e addirittura contesa dalle popolazioni che vi si sono insediate.

Celti e romani, ad esempio, si sono contesi a lungo il predominio di questa terra e ancora oggi le tracce della dominazione romana sono molto visibili. Anche nel Medioevo, poi, questa zona ha vissuto un periodo di grande fermento. Non a caso all’interno della Renania si trova anche Treviri, la città più antica della Germania. Un giro romantico della regione non può però anche prescindere da una visita a Spira, Worms e Coblenza, di cui si possono visitare le imponenti cattedrali. Imperdibili anche i fiabeschi castelli della regione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>