Roma rischia il collasso: una proposta per evitarlo

di Redazione Commenta

La Città Eterna rischia il collasso. I visitatori stanno tornando, ma per trovarsi ad affrontare tanti disagi in più – in primis, per la cittadinanza. Perché, se Roma è diventata la città più sporca del mondo ma anche la più intasata, non è colpa del turismo di massa – scomparso per più di un anno per via della pandemia e delle limitazioni agli spostamenti – ma solo di una cattiva gestione. 

Roma è la città più congestionata d’Italia, con oltre 1 miliardo e mezzo di passeggeri in un anno, nella quale chi si immerge nel traffico perde ogni anno una media di 66 ore – quasi tre giorni di vita. Non solo: allagamenti metropolitani, cantieri che non finiscono mai, mezzi pubblici vecchi e malandati ne fanno la combinazione perfetta per il disastro. Peraltro, negli ultimi 6 anni i mezzi sono stati diminuiti, portando molti più cittadini a scegliere la macchina anche per i spostamenti brevi – cioè, più ingorghi e il peggioramento della qualità dell’aria. A questo si aggiunge il problema delle buche, talmente famoso da essere una barzelletta. Eppure non c’è niente da ridere, perché il degrado del manto stradale causa ogni anno incidenti e infortuni, con danni alla sicurezza dei cittadini e cause penali e civili al Comune di Roma. 

Chi abita o lavora a Roma e chi la visita dovrebbe poter godere della sua bellezza e non ritrovarsi ad affrontare lunghe code, ritardi dei mezzi pubblici o, peggio, rischiare la vita o la salute perché l’amministrazione o non se ne occupa, oppure lo fa male. 

Si parla di fissare un tetto di presenze, come a Venezia, per gestire il grande flusso turistico – ma c’è da dire che questa non è una vera e propria soluzione, perché il problema, come abbiamo visto, è nella mancata organizzazione e manutenzione. Servono soluzioni e idee davvero innovative, come “Roma in 15 minuti”, inserita da uno dei candidati a Sindaco nel suo programma proprio per ridurre i tempi e i collegamenti dai servizi primari come la scuola, la sanità e la cultura. Un progetto che propone un cambiamento di visione e, soprattutto, del metodo con il quale affrontare e davvero gestire una Capitale già sovraccarica di problemi, per renderla più vivibile ai suoi cittadini e più attraente e apprezzata dai turisti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>