Ricordi di viaggio di Raffaella Milandri

di Blogger 1

Ricordi di viaggio di Raffaella Milandri Raffaella Milandri ( che vive a San Benedetto del Tronto, nelle Marche), parla dei preparativi per la nuova partenza: “La mia valigia? Un occhio di riguardo alla attrezzatura fotografica, molta attenzione a medicine, vaccini e prevenzione sanitaria, un guardaroba scarno, pratico e rispettoso della cultura della gente del luogo. Perché in ogni Paese si deve essere come ospiti graditi in casa altrui, e ci si deve comportare come tali. Studiare la cultura di un Paese prima di visitarlo è fondamentale per non essere come “un elefante nel negozio di cristalli” nella morale e nei valori di un popolo. Non è la stessa cosa, ma come guarderebbe un bambino italiano un indigeno amazzonico, seminudo, che mangia le tagliatelle con le mani in una trattoria a Milano? Così gli abitanti locali guarderebbero noi se andiamo in giro in India o Nepal con canottiera, minigonna o mangiando il cibo con la mano sinistra.” Le immagini dei reportage di Raffaella Milandri rappresentano la riproduzione visuale delle intense emozioni e dei profondi sentimenti che animano lo spirito di questa artista, che è prima di tutto una “viaggiatrice” nel senso più puro del termine. Dall’Australia al Giappone, dagli Stati Uniti all’India, il suo peregrinare solitario è mosso dell’inesauribile desiderio di conoscere i popoli e le culture più distanti geograficamente ed intellettualmente dall’Europa. Le sue fotografie sono il frutto della sua curiosità e della sua voglia di indagare, confrontare e scoprire motivi di affinità ed integrazione tra genti pur diversissime.
Dice l’artista a proposito della sua ispirazione: “Una passione infinita per la fotografia e una brama sconfinata di viaggiare creano in me una dimensione spirituale ideale per la ricerca dell’essenza dell’uomo e delle sue impronte su ciò che lo circonda, in tutte le sfaccettature. Il mio terzo occhio è la macchina fotografica, con la quale cristallizzo il quotidiano in un momento senza tempo. Nei miei viaggi cerco di fondermi con il paesaggio e con le persone, perchè tutto abbia la massima naturalezza, compreso l’occhio di chi guarda il mio obiettivo. Inoltre, ho il massimo rispetto per i soggetti ritratti, se non c’è il consenso ad una foto non ci deve mai essere violazione della libertà dell’individuo e dei suoi valori.”
L’interesse di Raffaella Milandri è imperniato in particolare sui volti e sui gesti degli individui, ritratti nella naturalezza del loro vivere quotidiano, con un occhio particolare alle donne e alle condizioni talvolta disagiate in cui vivono in alcuni Paesi. Le sue foto sono infarcite di informazioni, statistiche, dettagli certosini sulla cultura dei popoli visitati.

Parla dei suoi viaggi: “Tutt’oggi, in molti Paesi, la sensazione di libertà del viaggiare e il contatto con le varie popolazioni devono essere “filtrate” e “polarizzate” dall’esigenza di sicurezza, tenendo conto di religioni, costumi, usanze e pericoli comuni. Al tempo stesso, come donna, nasce spontanea una attenzione particolare alle donne e alla loro realtà nei vari Paesi. Nelle esperienze indiane, ad esempio il mio contatto con donne e bambini e l’ingresso nelle loro vite quotidiane e nelle loro case mi viene facilitato dall’essere donna; al contrario, mi accade talvolta che la tradizione culturale indiana, tuttora di accentuata tendenza maschilista, al contrario, mi accade talvolta che la tradizione culturale indiana, tuttora di accentuata tendenza eriga una barriera di fronte alla donna che voglia approfondire certe tematiche o accedere a certi ambienti. Solo da pochi anni, il Governo indiano si è accanito decisamente nel cercare di debellare il feticidio femminile, ampiamente usato in passato laddove, nelle famiglie povere, la nascita di una femmina significava una bocca da sfamare e una dote da pagare alla famiglia del futuro marito.Si legge nella foto di un cartello in pieno centro a Calcutta: “Female feticide is a crime”. Nel mondo del lavoro è facile che le donne vengano usate in lavori pesanti, in cantieri edili o stradali , e in alcune mie immagini ritraggo uno stile di vita decisamente duro . Ad Ahmedabad (da dove ha operato a lungo Gandhi, n.d.r.), ho visitato la SEWA , fondata nel 1972 da Ela Bhatt: è una Associazione e cooperativa per la tutela di donne lavoratrici autonome e senza regolare salario e assistenza sanitaria. Nel 2005 è arrivata a contare 800.000 iscritte in tutta l’India. Qui troviamo venditrici ambulanti, artigiane che lavorano a casa, lavoratrici edili ed agricole, lavandaie, raccoglitrici di carta e così via. Questa importante Associazione tutela gli interessi di queste lavoratrici autonome, come portare i minimi salariali a livello di sussistenza , e organizza corsi per combattere l’analfabetismo, per la gestione della propria attività, per l’utilizzo del computer, corsi di management e leadership orientati a portare le donne alla conquista di posti di dirigenza.Conclude Raffaella Milandri: “La cartina di un Paese è per me come una mappa del tesoro, che cela nuovi posti e nuove emozioni da scoprire. Non ho paura di viaggiare da sola: con l’esperienza si affina un sesto senso, una specie di campanello d’allarme che suona solo quando è necessario. L’importante è rispettare sempre le usanze del luogo, soprattutto in un Paese fortemente religioso. Rispettare le persone è il modo migliore per essere rispettati. In viaggio da sola, faccio vita frugale, evito i posti solo per turisti, mangio e bevo come le persone del posto, vado a dormire presto la sera e mi alzo all’alba per catturare la luce migliore nelle mie foto.Informazioni sull’azienda e/o sull’autore:

Raffaella Milandri
Durante il 2004, anno sabbatico, di cui 6 mesi passati in Australia, approfondisce la sua passione per la fotografia attraverso un tour in solitaria in 4×4 nel Northern Territory(Australia) dove evolve ed affina la sua naturale attitudine a trasferire le emozioni nella ripresa fotografica.Le emozioni del forte impatto naturalistico australiano e della cultura aborigena fanno nascere la volontà di comunicare al pubblico, attraverso la fotografia, la realtà percepita.

Immagine | Bambina nobile Jats di Raffaella Milandri

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>