Mostra Astrum 2009: fino al 16 gennaio 2010 ai musei vaticani di Roma

di Blogger Commenta

mostra-astrum-2009-fino-al-16-gennaio-ai-musei-vaticani-roma.gif>Si intitola “Astrum 2009: Astronomia e strumenti. Il Patrimonio storico italiano quattrocento anni dopo Galileo” e si terrà nei Musei Vaticani dal 16 ottobre 2009 al 16 gennaio 2010. Si tratta della grande esposizione nella quale sarà possibile ammirare i telescopi e gli scritti astronomici dello scienziato toscano che abiurò di fronte al tribunale dell’ Inquisizione.

GLI STRUMENTI ASTRONOMICI DI GALILEO
La mostra si apre con una sezione dedicata alla strumentazione pre-galileiana quando ancora tutte le osservazioni avvenivano ad occhio nudo ed erano limitate a censire e misurare i moti dei corpi celesti, per arrivare poi ai tempi nostri, caratterizzati da strumentazione talmente complessa e imponente da poter essere qui rappresentata solamente tramite fotografie, filmati o componenti. Ancora particolare attenzione merita il cannocchiale di Galileo, che rappresenta il primo elemento di discontinuità nella progressione della strumentazione astronomica.

L’ ESPLORAZIONE DELLO SPAZIO
La mostra è stata promossa nell’ ambito delle celebrazioni dell’ Anno Internazionale dell’ Astronomia, indetto dalle Nazioni Unite, nel quattrocentesimo anniversario dalle prime osservazioni telescopiche di Galileo. L’ esposizione racconta l’ evoluzione dell’ esplorazione dello spazio da parte dell’ uomo da Galileo allo sbarco dei primi astronauti sulla Luna; fra l’ altro vengono esposte per la prima volta le raccolte storiche conservate presso i musei degli osservatori astronomici italiani, a partire dalla Specola vaticana. Si tratta in tutto di circa 130 tra strumenti, mappe, modelli di sistema tolemaico o copernicano, manoscritti, quadri, fotografie, codici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>