Colosseo, aperti i passaggi dei gladiatori e percorsi inediti

di Redazione Commenta

Dal panorama mozzafiato del III livello al buio inquietante dei sotterranei che duemila anni fa ospitavano fiere e gladiatori. E’ il Colosseo mai visto, con due nuovi percorsi che svelano magie e misteri del monumento icona piu’ visitato d’Italia, quasi 19 mila persone al giorno, 4 milioni e mezzo solo nei primi 8 mesi di quest’anno. Per consentirlo sono stati necessari ”interventi strutturali considerevoli”, fa notare il commissario straordinario dell’area archeologica di Roma e Ostia Roberto Cecchi, che annuncia subito altri restauri con l’inaugurazione, entro la fine di dicembre, del Tempio di Venere e della Casa delle Vestali. Conclusi i primi quattro cantieri, con una spesa di poco piu’ di 2 milioni di euro (e’ stato restaurato anche l’attico che aveva problemi di stabilita’, ma non verra’ aperto al pubblico) la sfida piu’ grande, per il Colosseo, e’ ora affidata al bando per lo sponsor, che punta a raccogliere 23 milioni con cui ripulire l’intero monumento, dotarlo di una nuova recinzione e di impianti piu’ moderni. Intanto, pero’, la visita all’anfiteatro Flavio raddoppia.

I percorsi ora accessibili
Dalla porta libitinaria – quella che i romani avevano dedicato alla oscura Libitina dea dei funerali perche’ da li’ si facevano uscire i cadaveri – si potra’ entrare direttamente nei sotterranei, il settore piu’ affascinante e nascosto, tra l’altro mai aperto ai visitatori, l’area pulsante dell’anfiteatro, quella dove i gladiatori aspettavano il loro destino, e dove c’erano i montacarichi per issare le fiere sulla sabbia della arena. Qui si preparavano le scenografie e si facevano gli ultimi preparativi prima degli spettacoli, qui si tenevano gli animali, qui i gladiatori si preparavano a combattere. Interrati nel V secolo, questi spazi si sono conservati nel tempo senza subire nessuna delle manomissioni che sono toccate invece, nei secoli successivi, alla parte piu’ elevata dell’anfiteatro.

L’atmosfera suggestiva di 2000 anni fa
Il restauro e le luci ad effetto puntano a restituirne l’atmosfera, indubbiamente cupa, ma anche molto suggestiva. Decisamente solare, invece, la visita alla terrazza del III anello, altissima e spettacolare con i suoi 33 metri di altezza dal livello della piazza e l’incredibile vista su Roma da Monte Mario all’Eur. Sara’ la prima che si puo’ visitare, in via sperimentale da domani a domenica senza aggravi sul prezzo del biglietto.

Come visitare i percorsi dei gladiatori
Le porte dei nuovi percorsi si sono aperte invece da martedi’ 19 ottobre. Servira’ la prenotazione (che si potra’ fare anche sul posto) e le visite saranno rigorosamente guidate, a gruppi di 25 persone. Si potra’ scegliere di visitare, accompagnati dalla guida, l’intero monumento, con un percorso che dura circa 90 minuti e un biglietto in piu’ (oltre a quello da 12 euro che da accesso a Colosseo, Fori e Palatino) che costa 8 euro. Chi non vuole o non puo’ fare le scale per arrivare alla terrazza del III livello, puo’ decidere di fare una visita piu’ breve, con un prezzo ridotto (6 euro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>