GUIDA DI VIAGGIO A TORINO:un’atmosfera unica e incantevole!

di Redazione Commenta

Spread the love

La capitale del Piemonte è una città dall’architettura maestosa, dall’aspetto molto elegante e dall’aria un po’ retrò.

Torino non ha mai fatto parte del grand tour che conduceva in Italia i nobili e gli intellettuali del passato. Il motivo è semplice. In epoca rinascimentale, le città italiane che contavano erano Napoli, Firenze, Milano e Venezia: Torino era un borgo, poco più di un villaggio. Nonostante i trascorsi romani, le invasioni, le lotte dell’età di mezzo e l’illuminata guida dei Savoia, Torino ha mantenuto per secoli la sua caratteristica di città di frontiera, di avamposto difensivo contro le invasioni. In sintesi, si può affermare che Torino è nata tardi e che si è sviluppata in senso moderno solo con la rivoluzione industriale.

Soprattutto dopo gli interventi di ristrutturazione e di messa a nuovo avuti in occasione delle olimpiadi invernali del 2006,Torino ha riacquistato tutto il suo antico splendore. La città è stata capitale d’Italia ed oltre ad essere notevole dal punto di vista architettonico è anche sede di iniziative culturali interessanti, come il Salone del Libro che ha ormai acquisito rilevanza internazionale, e il Salone del Gusto, che vanta tra gli organizzatori l’associazione Slow Food.

La Mole Antonelliana è il monumento simbolo della città, che ospita oggi il museo del cinema.

Le ampie strade con gli stupendi porticati portano fino al fiume Po, che la attraversa. I signorili palazzi e le gallerie, dove si respira un’aria di passato.
Il museo Egizio, altro fiore all’occhiello, il secondo sull’Egitto più importante dopo il Cairo.

Arrivando a Torino possiamo visitare il cuore della parte antica della città: piazza Castello, al cui centro ammiriamo Palazzo Madama. Il grande palazzo racchiude la storia della città e oggi ospita la sede del Museo Civico di Arte antica. Poco distante osserviamo il settecentesco Teatro Regio, ricostruito in forme moderne e riaperto nel 1973.

Palazzo Reale, costruito nel ‘600 e che fu reggia dei Savoia fino al 1865 reggia dei Savoia; i giardini reali realizzati alla fine del ‘600 secondo il gusto francese; l’Armeria Reale, che conserva una collezione di armature e armi dei secoli XVI-XIX; e il Museo del Cinema inaugurato nel 1958, che illustra lo sviluppo della cinematografia e della fotografia tramite apparecchi e documentazioni.


Una visita è d’obbligo al rinascimentale Duomo, costruito nel 1491-98, alla cui sinistra si innalza l’imponente campanile dalle forme romaniche. L’interno ospita numerose e note opere che decorano le pareti.

Il Santuario della Consolata, eretto nel 1678, con il romanico campanile dell’XI secolo e con decori di marmi e stucchi dorati al suo interno.

Da non dimenticare: Via Garibaldi, fiancheggiata da case e palazzi settecenteschi; la chiesa della Santissima Trinità del 1606 con la facciata neoclassica; la chiesa dei Santissimi Martiri, eretta dai Gesuiti dopo il 1577, con una decorazione interna barocca; il Corpus Domini, una chiesa progettata per commemorare il miracoloso giorno del 1453 in cui, secondo la tradizione, un’ostia consacrata cadde da un ostensorio rubato, si alzò in cielo e sprigionò una grande luce.

la Galleria d’Arte moderna e contemporanea che contiene una delle più grandi e fornite raccolte d’arte da fine ‘700 in Italia; piazza Carignano, racchiusa da numerosi palazzi; il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano; il Palazzo dell’Accademia delle Scienze, in cui troviamo due tra le più importanti raccolte torinesi: il Museo Egizio e la Galleria Sabauda.

La nostra visita a Torino può proseguire visitando: il Parco del Valentino, reputato uno dei più affascinanti d’Italia; il Castello del Valentino, eretto nel 1630-60 con un ampio cortile rettangolare e il Borgo medievale.

Torino è stata chiamata “la piccola Parigi” per le sue vie, le sue piazze, i caffè storici e i tanti monumenti: subito dopo il tramonto, la città viene abbracciata da una luce soffusa proveniente dai lampioni, che creano un’atmosfera ovattata unica e incantevole. L’incanto di Torino, straordinaria testimonianza di un “passato Reale”, si svela passeggiando per la città. Accanto a monumenti indimenticabili, capolavori di grandi architetti, scopriamo i nuovi spazi espositivi, i nuovi linguaggi artistici e culturali di una Torino contemporanea. La città di Torino è un patrimonio esclusivo di storia, musei, tradizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>