A Gubbio tra i dinosauri di tutto il mondo

di Blogger Commenta

 Un diorama spettacolare di 65 metri quadri che riproduce una foresta di 130 milioni di anni fa, situata in quella che oggi e’ la provincia cinese di Liaoning, e popolato da piu’ di 35 differenti specie di dinosauri, rettili, uccelli, insetti, mammiferi e piante: si presenta cosi’ la mostra ”Dinosauri”, che si è aperta sabato 27 novembre a Gubbio. Il diorama e’ una delle piu’ grandi ricostruzioni di ambiente preistorico mai realizzate e il suo obiettivo, come quello della mostra, e’ presentare le scoperte piu’ recenti sui giganteschi rettili preistorici, puntando a cambiarne radicalmente la percezione da parte del pubblico.

In mezzo a una foresta preistorica
Percorrendo la foresta preistorica, i visitatori possono incontrare il Repenomamus giganticus, grande come un tasso, o il Bambiraptor Feinbergi, il dromeosauro piu’ completo e nel miglior stato di conservazione scoperto in Nord America e testimonianza del legame tra i dinosauri e i volatili moderni. Sono fossili che avvalorano la tesi secondo cui l’estinzione avvenuta 65 milioni di anni fa non ha completamente cancellato i dinosauri dalla faccia della Terra. Gran parte degli uccelli attuali, infatti, condividono oltre 50 conformazioni anatomiche con il tirannosauro e con il velociraptor, come il polso girevole e le tre dita delle zampe rivolte in avanti.
In mostra c’e’ anche una nuova serie di Tyrannosaurus rex, a grandezza naturale e in posizioni dinamiche, insieme a numerosi fossili scoperti di recente, come Gorgosaurus, Psittacosaurus, Protoceratopi. Simulazioni, animazioni interattive e video mostrano il lavoro svolto sul campo dai ricercatori. E’ esposto anche il modello dello scheletro di un Apatosaurus, lungo piu’ di 18 metri; c’e’ anche il modello a grandezza naturale di un tirannosauro Dilong paradoxus, coperto dai predecessori delle piume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>