Guida di viaggio ad Atlanta:la città natale della Coca Cola come prossima città internazionale?

di Redazione Commenta

Atlanta è una città degli Stati Uniti d’America, capitale dello stato della Georgia. Nel 2007 contava 519.145 abitanti, mentre l’area metropolitana, con 5.278.904 persone, è la nona di tutti gli Stati Uniti.
Atlanta si trova in cima a una cresta a sud del fiume Chattahoochee e ha l’elevazione sul livello del mare più alta di qualsiasi grande città a est di Denver.

Atlanta risplende nelle vetrate dei suoi grattacieli e nei suoi quartieri alberati, nel ricordo dei giorni di Scarlett and Rhett
Città natale di Martin Luther King, è conosciuta soprattutto per essere la sede della Coca Cola; infatti è nata qui la bibita più famosa nel mondo. E’ città commerciale, con strutture dell’era moderna e post-moderna.

Nella battaglia di Atlanta subì un incendio che la rase quasi al suolo(evento ripreso nella scena madre di Via col Vento). Quando fu ricostruita, i cittadini africani furono scacciati.

Atlanta è stata soprannominata in tutti i modi, da “capitale del nuovo Sud” e “la prossima città internazionale” a “la città migliore per fare affari”. Ed è anche un luogo interessante da visitare. Alimentata dalla prosperità di multinazionali locali come Coca Cola e Holiday Inn, dal prestigio derivato dall’ospitare i Giochi Olimpici Estivi del 1996, e dall’energia di giovani rampanti che vi si sono trasferiti a frotte, Atlanta è in fermento.

Da ristoranti di prima classe e una miriade di attrazioni culturali a una vita notturna trendy e tantissimi eventi sportivi, la città è cosmopolita nel vero senso della parola.
Ma Atlanta è anche riuscita a conservare il suo valore storico. Si può fare una sosta all’Atlanta History Center o visitare il Martin Luther King Jr. Historical Site, un commovente tributo alla storica icona americana. Si può girovagare per la casa in un cui ha abitato la famosa scrittrice Margaret Mitchell o fare un salto nel Jimmy Carter Library and Museum per raccogliere informazioni sulla vita e l’epoca dell’ex presidente e della sua famiglia. Atlanta non deluderà chi è in cerca di stimolanti proposte culturali moderne né chi vuole immergersi nella tradizionale atmosfera del Sud.

Atlanta è divenuta il simbolo di un Sud in continua trasformazione, voglioso di ritagliarsi uno spazio sempre maggiore all’interno delle sfere sociale, politica ed economica del paese. Un grande impulso a questo incredibile desiderio di evoluzione venne trasmesso dall’assegnazione alla città dell’Olimpiade del 1996, per la quale sono stati compiuti importanti lavori di riqualificazione e di ammodernamento infrastrutturale, fondamentali per garantire competitività a lungo termine ad un centro dalle così grandi ambizioni.

L’altra faccia di Atlanta è a nord, dove Peachtree Street prende il nome di Peachtree Road: vivono qui, nel quartiere Buckhead, il più ricercato della città, i discendenti delle grandi famiglie nobili, all’interno di residenze anteguerra ristrutturate o in ville fatte costruire nello stesso stile di quelle dei loro avi. Per visitare questa affascinante parte di Atlanta, ci si diriga al complesso dell’Atlanta History Society: immerse in un grande parco si trovano la candida Swan House, dimora patrizia in stile neoclassico finemente arredata, e la Tullie Smith House, una fattoria del 1840 completamente ristrutturata. L’Atlanta History Society ospita anche un museo con testimonianze della Guerra Civile, mentre per ammirare altre splendide residenze si percorra a piedi West Paces Ferry, dove si erge la Governor’s Mansion, anch’essa in stile neoclassico.

Il clima è subtropicale umido, con estati calde ed inverni generalmente miti, seppur intervallati da brevi parentesi di freddo anche intenso.
I Blizzard, vere e proprie bufere di vento e neve, sono fenomeni rari ma non impossibili soprattutto tra gennaio e febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>