Northern light festival: dal 28 gennaio al 5 febbraio a Tromsø per osservare l’aurora boreale

di Blogger Commenta

Northern-light-festival-dal-28-gennaio-al-5-febbraio-a-Tromsø-per-osservare-laurora-borealeDal 28 gennaio al 5 febbraio nella città norvegese di Tromsø, la più grande del circolo polare artico, si svolge il Northern light festival (www.nordlysfestivalen.no/en), rassegna internazionale di musica classica e jazz e di letture pubbliche, giunta ormai alla ventiquattresima edizione, dedicata al magico fenomeno dell’aurora boreale. Tromsø è uno dei migliori luoghi in Europa dove è possibile ammirare gli affascinanti lampi colorati che illuminano la buia notte artica (precisamente tra il 65esimo e il 72esimo parallelo di latitudine, in prossimità del polo geomagnetico) ed è l’unica, vera città, oltre a Narvik, a nord del circolo polare che ha mantenuto la propria architettura storica.

Tromsø
Sorge su una baia sovrastata dai monti e lambita dalla corrente del Golfo, che rende le temperature più miti rispetto all’interno, e da dove durante il secolo scorso partirono le più grandi spedizioni esplorative: da Elling Carlsen a Fridtjof Nansen, da Salomon André a Roald Amundsen, che da qui nel 1928 decollò nello sfortunato tentativo di rintracciare l’amico esploratore Umberto Nobile. Il festival è un’occasione interessante per ammirare e studiare lo spettacolo dell’aurora boreale, per ascoltare decine di letture di vari autori e di concerti di musica classica, contemporanea e jazz, e per visitare la cattedrale e l’università più settentrionali del mondo, oltre all’Osservatorio, al Planetarium e ai tanti musei che la città norvegese negli anni ha dedicato al Polo nord, alle sue esplorazioni e alla sue tante forme d’espressione.

L’aurora boreale
Richiama visitatori da tutto il mondo l’aurora boreale: per ammirarla conviene allontanarsi dalle luci della città e recarsi in aperta campagna, dove il cielo scuro fa risaltare i lampi di luce colorata, ancora più evidenti nelle notti senza luna e senza nubi. Il grande spettacolo celeste, che avviene nell’atmosfera superiore, si osserva molto bene proprio in queste settimane fino al mese di marzo ed è destinato a chi non teme le temperature polari e decide di affrontarle per ammirare contro il cielo buio il magnifico spettacolo di lampi gialli, bianchi, verdi e rossi che in un fluire rapido e continuo creano scenari intensi e suggestivi. Secondo la tradizione nordica rappresentano i riflessi sulle armature scintillanti delle valchirie, le divinità femminili del dio Odino, armate sopra cavalli alati; secondo gli inuit eschimesi, invece, sono gli spiriti dei bambini trapassati che giocano a palla con teschi di tricheco.
In realtà sono più semplicemente degli eventi atmosferici, seppur magici e affascinanti, che hanno a che fare con le tempeste solari e l’elettromagnetismo, anche se i lampi di luce multicolore che si rincorrono su paesaggi innevati sono molto evocativi e poetici. L’aurora boreale, infatti, è un’intima e travolgente esperienza che si avvicina alla spiritualità, all’arte e alla magnificenza della natura e che richiama la capacità dell’uomo di creare e di fantasticare.

I tour notturni
Tante sono le agenzie locali che offrono piccoli tour notturni, con partenza nel tardo pomeriggio dalla cattedrale o dal porto di Tromsø per recarsi fuori città e ammirare l’aurora boreale; alcune propongono anche di effettuare escursioni in slitte trainate dai cani o di praticare lo sport preferito dai norvegesi: la pesca nel ghiaccio dei fiordi. Tra le più popolari ci sono: Arctic Pathfinder (www.arcticpathfinder.no), Kjetil Skogli (www.auroraphoto.no), GuideGunnar (www.guide-gunnar.no), Natur i Nord (www.naturinord.no) e Sørøya Havfiske-cruise (www.havcruise.no).

L’osservatorio geofisico
Per capire meglio il fenomeno dell’aurora boreale è d’obbligo una tappa all’Osservatorio Geofisico di Tromsø, attivo dal 1928, al Planetarium dell’aurora boreale, dove si spiegano gli eventi con filmati e documentari, e a Polaria (www.polaria.no), museo con acquario artico nella cui boutique si possono fare acquisti artici autentici, anche se un po’ cari: coltelli e tazze a base di corno, ossa e legni diversi e con vere tecniche artigianali lapponi. In città è interessante recarsi anche nel museo dell’Università (www.tmu.uit.no) per scoprire la storia di Tromsø e dei suoi abitanti, della natura e dell’artigianato locale e nel Polar Musem (www.polarmuseum.no), che sorge negli ex uffici doganali, dove sono esposti reperti della caccia e delle spedizioni nelle regioni polari, dai primi pionieri agli ultimi esploratori come Erling Kagge, avvocato di Oslo appassionato di viaggi estremi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>