Guida di Viaggio a Grasse:la patria dei profumi

di Redazione Commenta

Grasse (it: Grassa) è un comune francese di 43.874 abitanti situato nel dipartimento delle Alpi marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, sede di sottoprefettura.
Il clima vacanziero e spesso superaffollato della Costa Azzurra, da Cannes ad Antibes e Nizza,sembra lasciare spazio a qualcosa di piu etereo a Grasse, nonostante la vicinanza (a soli 20 minuti).
La campagna fiorita della Provenza e di grande effetto visivo: grandi distese violacee di lavanda, a cui si accompagnano i colori delle mimose, degli iris, dei gelsomini, delle rose e d’altre piccole
gemme preziose…uno spettacolo irripetibile.

Origini
Sin dal Settecento,la citta divenne la capitale dei profumi delle grandi corti francesi, espandendosi poi in tutto il mondo; i guanti profumati, in
voga anche in Italia con Caterina de Medici, furono proprio creati in quel di Grasse, dando inizio al grande commercio dei profumi.

Patria dei Profumi
Forse non sono molti coloro che la conoscono, ma Grasse è uno di quei luoghi che, una volta visitati, ci si porta dietro nel cuore, o meglio nei sensi.Affascinante e un po’ solitaria, si è fatta avanti nella storia in
un modo tutto suo, diventando la capitale mondiale dei profumi. Proprio cosi, in questo piccola cittadina dell’entroterra della Costa Azzurra , con poco piu di 40.000 abitanti e ad una quindicina di chilometri da Cannes ,vengono coltivate le essenze dei piu famosi profumi del mondo. Chanel N 5, porta con se i fragranti gelsomini di Grasse, e non sono pochi quelli che secondo antiche tradizioni medievali, tra alambicchi e ampolle, vengono ancora creati attraverso
misteriose alchimie.

Luoghi d’interesse
Grasse è situata sull’antica Route Napoleon, una strada litoranea panoramica della Costa Azzurra, di grande importanza turistica; e cosi chiamata in quanto segue il percorso che Napoleone Bonaparte segui al rientro dall’isola d’Elba nel 1815. Il suo centro storico, ha da sempre beneficiato del clima mite del mediterraneo, protetto dal versante
delle Prealpi.
La citta vecchia, come viene qui chiamata, si fa ammirare per la sua struttura di borgo medievale, un misto di vie pittoresche, con tanto di case in stile provenzale, porticati e piccole scalinate; pare ancora di respirare le atmosfere e le antiche gesta dei mercanti locali, ma anche italiani (visto il grande successo del commercio con i fiorentini). Si deve arrivare alla grande terrazza in cima al borgo per poter ammirare il bel panorama su tutta la campagna di Grasse, un’immensa distesa di fiori; perfetta testimonianza della tradizione provenzale.
La luce naturale del sole a Grasse diventa qualcosa di indefinibile, un misto di chiaroscuri tale da rendere questi luoghi ancora piu suggestivi. Place aux Aires, sempre nel centro storico, diventa cosi luogo ideale per passare un rilassante fine pomeriggio, magari in una tipica brasserie del posto. La si puo apprezzare anche la mattina, durante il mercato dei fiori.
La cattedrale di Notre Dame du Puy, si ammira nella piazza principale di Grasse, place du Petit-Puy: al suo interno sono custoditi alcuni lavori di Rubens , di Brea e di Fragonard. Un giro nella piazza rimane una delle esperienze maggiori della visita, andando letteralmente ‘a naso’ si scoprono non solo le famose profumerie di Grasse, ma anche gli ottimi bistro e ristoranti della cucina provenzale.

Potrete visitare profumerie che propongono gratis tour con guida in tutte le lingue e vi faranno conoscere la storia del profumo nei loro negozi. Vi inizieranno alla creazione dei profumi e dell’acqua di colonia. Di sera, il Casino dei Fiori vi inviterà a scoprire in un prestigioso scenario la magia del gioco. L’Ufficio del Turismo tiene a vostra disposizione una pratica guida in cui troverete tutti gli indirizzi utili per il divertimento e le profumerie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>