Tunisi: Tozeur, Nefta e le oasi di montagna

di Francesca Spanò Commenta

Due città cariche di storie e di passato, ma soprattutto meravigliose a livello paesaggistico. Tozeur e Nefta si trovano nella regione dello Jerid, un termine che significa il “paese dei palmeti”, da tempo prospere in quanto vie di passaggio per fiorenti commerci. Qui si snodavano percorsi carovanieri, veniva tessuta la lana e la seta e venivano prodotti i datteri. I vecchi quartieri locali hanno un tocco estremamente affascinante tra antiche viuzze, alti muri e passaggi a volta. Tra ombre e luci non si possono non notare i mattoni realizzati con la sabbia che evidenziano piuttosto che coprirle le oasi formate di foreste di palme. Intorno qualche cupola di un mausoleo e soprattutto Nefta, città dei marabut, ne conta un centinaio.

Nei souk prodotti di artigianato anche di pregevole fattura derivati quasi tutte proprio dalle palme: il tronco serve per le porte e la carpenteria, le foglie intrecciate formano ceste e stuoie e sono solo esempi. L’associazione oasi e montagna poi sembra incredibile invece dimostra come due elementi tanto differenti possono benissimo convivere. In Tunisia, quindi, esistono ben tre villaggi sviluppati all’ombra della palma da dattero, creando colori perfettamente contrastanti ed elementi naturali che sopravvivono da secoli.

 

A Chebika, l’acqua arriva da un’altra cascata a formare un “oued” un corso d’acqua circondato da palme in fondo ad una gola.Tamerza, è cinta intorno ad un’area montagnosa sul fianco di un grosso canyon. Da qui la vista permette di osservare la vasta pianura fino al Chott, il lago salato e alle colline di sabbia. Il vecchio villaggio si trova lungo il palmeto tra bellissime cascate. Più a ovest, poi, spicca Midès la più incredibile perchè si trova a strapiombo su un canyon da brivido e meno turisticamente sfruttata. Dopo una escursione di questo genere vi renderete conto di aver sottovalutato lo splendore di una terra come la Tunisia dove presente e passato convivono in forme architettoniche e paesaggistiche in grande armonia fra di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>