Zimbabwe: fauna, natura e un curioso primato

di Francesca Spanò Commenta

 

Lo Zimbabwe è una terra bellissima e a tratti quasi incontaminata. Animali in libertà, vegetazione incredibile e pace. Un viaggiatore soprattutto nei suoi angoli più sperduti può sicuramente entrare in comunione con il mondo e rilassarsi completamente riscoprendo le proprie radici più profonde e una nuova energia che il vivere moderno ha portato via da tempo e solo la natura sa restituire completamente. Da queste parti, inoltre, è noto un primato particolare che lo Zimbabwe ha saputo conquistarsi recentemente. Scopriamo insieme qual è:

In tale angolo di mondo, nel 2009, infatti, è stata emessa e stampata la banconota di taglio più alta nella storia della cartamoneta mondiale. Parliamo di 100 trilioni, cioè 100mila miliardi. Non si trattava comunque di una maldestra prova, perchè doveva rientrare in un ampio programma monetario, ma la politica interna finì per far naufragare il progetto e non fece altro che aumentare  il processo di svalutazione della moneta locale.

 

In pochi mesi, la banconota non servì più a nulla e addirittura non bastava neppure per pagare del pane o una corsa sull’autobus. Oggi si può acquistare al massimo per venticinque euro, mostrando il fallimento di un progetto che doveva essere in grande stile. In più, la valuta dello Zimbabwe è stata  “congelata” tanto che viene correntemente accettata solo la moneta estera per acquistare qualcosa.  Per le spese governative, invece, si preferisce il dollaro americano. Se volete giungere da queste parti, dovete essere in possesso di un passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso più il visto di ingresso. In questo modo potrete restare in loco fino a tre mesi  e potrete richiederlo prima di partire o direttamente alla frotiera pagando 21,90 euro. Il fuso orario è di un’ora in più rispetto all’Italia e nessuna vaccinazione è obbligatoria anche se a seconda delle zone scelte per le escursione, potrebbe essere consigliabile seguire almeno la profilassi antimalarica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>