In vacanza alle Hawaii: Oahu, informazioni di viaggio

di Francesca Spanò Commenta

 

Nell’arcipelago delle Hawaii, Oahu resta una delle isole maggiori e il suo territorio è di origine vulcanica e le coste rocciose. Un luogo mitico e quasi paradisiaco questo, che vanta un clima tropicale con temperature che di solito non superano i 26° C. L’estate va da metà aprile a metà ottobre e l’inverno da novembre a marzo. In questo secondo caso, aumentano le precipitazioni. La capitale la conoscete già perchè è il vero simbolo locale: Honolulu. Basta pronunciarne il nome per pensare a gonnelline di paglia e a camicie fiorate, oltre alla classica tavola da surf.

Da dove proviene questo popolo così allegro e abituato a danzare e ballare praticamente dall’infanzia? La sua origine è polinesiana e parla l’inglese americano per cui non sarà difficile farsi capire, anche se potrete avere qualche problema per l’accento. C’è poi, ovviamente l’hawaiiano che è un idioma ancora una volta simile al polinesiano con 12 lettere, le vocali e solo alcune consonanti. La religione è cristiano cattolica in prevalenza mentre la moneta è il dollaro americano. Vediamo ora quali documenti servono per arrivare alle Hawaii e ad Honolulu.

Per giungere da queste parti è necessario un passaporto a lettura ottica se emesso o rinnovato fino al 25 ottobre del 2005. Quello a lettura ottica con fotografia digitale se emesso dopo quella data e passaporto elettronico o biometrico se risalente al periodo successivo al 26 ottobre 2006. Negli altri casi, poi, si dovrà richiedere il visto di ingresso presso l’Ambasciata o il consolato Americano competente.  Attenzione perchè in questo caso il margine di tempo deve essere piuttosto ampio, altrimenti rischierete di non poter partire. Dal 12 gennaio 2009, è stato introdotto il sistema di registrazione on line detto ESTA (Electronic System for Travel Authorization) e permette di essere controllati dalle autorità americani prima di partire e quindi di risolvere complesse procedure una volta saliti a bordo dell’aereo o all’arrivo, ma ci sono casi in cui la garanzia per l’ingresso nel Paese viene confermata solo dalle autorità di frontiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>