I saldi 2012 vanno male: gli italiani preferiscono risparmiare per i viaggi

di Francesca Spanò Commenta

 

Conservare qualche soldo, anche se non servirà a fare il giro del mondo, ma potrebbe garantire pure un breve weekend e in tempi di crisi un pò di relax è ancora più importante. Per le emergenze poi, poter contare su un minuscolo fondo fa sempre comodo e se per mangiare il denaro si deve trovare, su cosa si può risparmiare? Ovviamente su vestiti ed accessori ed ecco che i saldi 2012 secondo i primi rilevamenti stanno andando piuttosto male. Il mercato insomma non riesce a risollevarsi nemmeno in questa occasioni, con un calo che sta toccando anche il meno 25 per cento persino nelle grandi città.

I dati sono stati forniti dal Codacons e per l’occasione il presidente dell’associazione dei consumatori Carlo Rienzi ha detto:  “non vi è stata alcuna corsa agli acquisti. Nelle vie dello shopping i cittadini girano ma non comprano, e chi lo fa si limita a spese di piccola entità. Solo gli outlet e le grandi firme registrano un accettabile volume di vendita. Solo il 40% delle famiglie potrà permettersi qualche acquisto durante i saldi, e a pieno regime gli sconti invernali vedranno una contrazione delle vendite del 30% rispetto al 2011″.

A Roma in particolare molta gente si è affollata nei negozi uscendo però a mani vuote o quasi. Non che quest’anno ci sia una grossa scelta e allora è meglio aspettare un low cost e partire per dimenticare quanto difficile stia diventando il vivere quotidiano tra tasse e problemi di lavoro. Per la Befana il traffico è stato così intenso che per trenta minuti è stata bloccata persino la metropolitana per permettere lo smaltimento dei cittadini lungo le strade del centro storico. A Napoli il bel tempo ha portato molte persone a riversarsi nelle strade ma senza comprare nulla. Come ha confermato Pietro Russo di Confcommercio Napoli: “E’ come se si fosse diffuso il panico a causa delle notizie negative legate all’economia e la gente preferisca non spendere”. A Firenze, invece, boom di vendite negli outlet come previsto con un incremento del 15 per cento rispetto all’anno scorso.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>