Germania: ecco l’autostrada per le biciclette

di Redazione Commenta

Spread the love

La Germania è senza dubbio uno stato all’avanguardia per quel che riguarda i trasporti: le piste ciclabili rendevano accessibili ai ciclisti ogni strada, ogni sentiero delle città. Ma oggi c’è di più: è stata infatti creata una vera autostrada dedicata esclusivamente al traffico delle biciclette. La nuova strada è lunga circa sessanta kilometri e larga cinque: insomma una superstrada a tutti gli effetti, che collgherà Dortmund a Duisburg.

Si tratta di un progetto fortemente voluto dalle istituzioni locali come spiega Jens Hapke, dirigente del Regionalverband Ruhr, l’azienda che gestisce i trasporti urbani e regionali della regione, che nasce dalla necessità di decongestionare l’autostrada, che già collega le due città ed è quotidianamente utilizzata dai pendolari.

Lungo il percorso tra le due città vivono almeno due milioni di persone, molte delle quali già oggi spesso preferiscono usare la bicicletta anziché l’auto per spostarsi ogni giorno da pendolari: oltre a risolvere l’emergenza del traffico, l’autostrada delle bici inizierebbe a porsi su un piano ecologico e non solo verso quale le grandi città si stanno muovendo! Ci si aspettano infatti circa due milioni di ciclisti.

Un traguardo ambito: oltre alle biciclette classiche spinte dalla forza delle gambe, l’autostrada potrebbe anche essere percorsa in futuro dalle biciclette elettriche. Un progetto simile è già presente in Europa: tra Francia e Belgio la Voie Verte Transardennes è una pista ciclabile di circa ottantacinque chilometri dedicata solo al traffico dei cicloturisti. Inoltre città come l’Olanda o Copenaghen  fanno un vero e proprio vanto dell’efficenza delle loro piste ciclabili.

Foto credit: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>