I viaggi spaziali e l’Alzheimer

di Francesca Spanò Commenta

 

Non è una notizia al momento confermata ma certo incuriosisce come minimo. Si perché si parla sempre più spesso di viaggi spaziali, anzi proprio nei prossimi mesi si dovrebbe cominciare a pieno ritmo. Certo al momento possono permetterseli solo i super ricchi, ma il problema degli eventuali rischi per la salute interessa tutti. Si perché è possibile che i viaggi spaziali, possano essere in modo più o meno gravi dannosi per il cervello.

A tal proposito, ha condotto un nuovo studio la University of Rochester Medical Center  che è stato pubblicato sulla  PLoS ONE. Dalla ricerca verrebbe fuori che i raggi cosmici che bombardano gli astronauti impegnati in lunghe missioni spaziali potrebbero accelerare la comparsa dei sintomi dell’Alzheimer. Come hanno fatto sapere gli esperti quindi “Le radiazioni cosmiche pongono una seria minaccia al futuro degli astronauti. Per la prima volta, con questo studio abbiamo dimostrato che l’esposizione a livelli di raggi cosmici equivalenti a un viaggio verso Marte potrebbe produrre problemi cognitivi e sintomi associati al morbo di Alzheimer”.

Sono in corso ricerche approfondite in merito, ma intanto non cessa la febbre da viaggi spaziali. In molti li sognano anche se in verità al momento di certo non potranno sborsare le cifre incredibili richieste. Sembra che pure qualche attore famoso, voglia prendere parte alle spedizioni ma al momento si fanno nomi ma ancora una volta nessuna certezza. Essendo comunque viaggi sperimentali, non vi nascondo un minimo di preoccupazione. Speriamo non ci siano mai problemi. Se già a molte persone è proprio l’aereo a mettere paura, figuriamoci simili spostamenti dove l’avventura e le emozioni non sono risparmiate. Questo ci da l’idea di quello che ci riserva il futuro: grossi cambiamenti forse nemmeno immaginabili e tante esperienze nuove da vivere, almeno per chi può e vuole permettersele. Al momento continuiamo a viaggiare in modo classico, ma certo non meno divertente, poi saremo pronti eventualmente al cambiamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>