Cultura, arte e shopping: l’Italia va di moda

di Francesca Spanò Commenta

Si, l’Italia va proprio di moda e a riscoprirla sono gli stessi abitanti che, a seconda dei gusti e delle esigenze personali non esitano a visitarla per un semplice weekend o per una gita fuori porta. Graditissimi i ponti e anche se la crisi costringe a diminuire la durata e a spostarsi di meno, non si rinuncia al viaggio di scoperta che conceda un momento di relax, arte, cultura e, a volte, un pò di shopping.
Lo conferma l’Osservatorio Nazionale del Turismo che ha portato avanti un recente studio e le città d’arte dove si riscontra un aumento di presenze sono soprattutto Firenze e Cremona. Le visite nei musei sono sempre più gradite e i giri negli outlet, rappresentano l’alternativa e quel passatempo che quasi mai manca. Sono eleganti i centri commerciali il più delle volte e, quindi, piacevoli da visitare e non mancano del resto le boutique griffate a pochi chilometri dalla città.

Firenze in questo caso è in primo piano e dopo aver organizzato un giro in città, sono molti gli indirizzi da provare. Uno su tutti è Be ONE Art and Luxury Home una residenza bellissima dove gli arredamenti sono  tessuti e pezzi di pregio, delle migliori maison fiorentine e italiane. Da queste parti si può richiedere anche un personal shopper per gli acquisti, invece, sfruttando il servizio offerto da Fashion Valley. A Cremona, invece,  città di musica e cultura, si trova il centro della produzione dei celeberrimi violini Stradivari. Qui potete provare i CremonaHotels.it tre strutture situate nel centro della città, per visitare i centri di interesse e i dintorni, nella splendida campagna. Passeggiate ne potete organizzare moltissimo e i negozi per gli acquisti non mancano e sembra che gli italiani l’hanno capito perfettamente e  per questo continuano ad affollarne le strutture o, semplicemente, a visitarne le boutique.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>