Viaggi per famiglie, ecco come

di Valentina Commenta

Viaggi per famiglie: sembrano qualcosa di impensabile per coloro che amano viaggiare in solitaria verso destinazioni più o meno importanti o sperdute. Eppure sono diverse le soluzioni che rendono possibile coinvolgere tutto il nucleo famigliare.

vacanza in famiglia

Vengono di solito definiti “viaggi slow” e possono adattarsi sia alle esigenze di esplorazione dei genitori che a quelle di divertimento dei bambini e di solito uniscono città d’arte a parchi divertimento in soluzioni interessanti e mai noiose. Basta semplicemente bilanciare i tempi in modo giusto. Pensate a Parigi: una giornata al Louvre può essere ben accoppiata con un giorno intero passato a Disneyland Paris. O ancora un periodo in un agriturismo comprensivo di fattoria con la quale poter interagire: relax e scoperta saranno alla portata di tutto il nucleo famigliare.

Esistono addirittura dei tour operator specializzati in questa tipologia di approcci. Il segreto è quello di unire, in caso ci si voglia muovere da soli, luoghi di importanza storica a possibilità di distrazione e svago per i più piccoli: castelli e parchi giochi, attività di esplorazione a misura di bambino. Viaggi slow non è sinonimo di noia. Soprattutto se si è capaci di puntare a destinazioni che in qualche modo ricordino ai bambini i luoghi delle fiabe o di film che hanno visto.

La fantasia dei bambini può essere sfruttata per creare con loro delle storie fantastiche che coinvolgano i luoghi da visitare: sarà il loro modo di vedere il mondo a fare il resto. E magari, un gelato o due lungo la vacanza.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>