Viaggi organizzati, eliminato fondo statale rimborsi

di Valentina Commenta

Brutte notizie per chi si affida ai tour operator per le proprie vacanze. A luglio infatti è stato abolito il Fondo nazionale di garanzia per i viaggi organizzati gestito dal Ministero per i Beni culturali. L’aver optato per uno strumento statale piuttosto che uno privato si è rivelato essere una scelta sbagliata.

cartina

Cosa significa tutto questo? E’ presto detto: in caso di fallimento o insolvenza del tour operator il cliente non verrà più rimborsato dallo stato ma saranno le stesse agenzie di viaggi a dover rimborsare lo stesso attraverso assicurazioni specifiche o garanzie di tipo bancario. Se pensiamo a quello che è successo in passato con i Viaggi del Ventaglio, Valtur, Alpitur ed altri interlocutori del settore ci si rende conto che la probabilità di eventi avversi non è così rara come potrebbe sembrare e che il bisogno di tutelare il consumatore sia sempre necessario. Soprattutto se tali accadimenti portano il turista a rinunciare alla propria vacanza o a doverla pagare nuovamente in loco se i problemi si manifestano nel corso della stessa.

E’ stata l’Europa a volere il cambiamento dopo l’inadempienza italiana nel settore. Ecco quindi che per i pacchetti comprati dopo il 1 luglio spuntano i fondi di garanzia privati. Cosa bisogna fare quindi per accertarsi di non avere potenziali problemi in viaggio? E’ semplice: quando si esegue la prenotazione del proprio viaggio è importante verificare la copertura prevista, che dovrà essere palesata chiaramente nel contratto.  E quindi scegliere il tour operator in grado di dare maggiori e sicure garanzie.

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>