Barcellona, Gaudì e il Passeig de Gràcia

di Redazione Commenta

Spread the love

Chi arriva a Barcellona non può rinunciare ad una passeggiata sul walk of grace, il viale della grazia in Italiano, il passeig de Gràcia in catalano. Si tratta di uno dei viali più belli e lussuosi della città, su cui si affacciano i negozi delle grandi firmi, gli alberghi di lusso e alcune tra le strutture architettoniche più interessanti. Il nome deriva dal fatto che un tempo univa la città alla municipalità di Gràcia, un paese nelle vicinanze, ormai da decenni completamente assorbito da Barcellona.

 

Patrimonio mondiale dell’umanità
L’importanza di questa strada ci viene spiegata già dal fatto che si tratti di una delle strutture di Barcellona inserita nel patrimonio mondiale dell’umanità da parte dell’UNESCO. Furono gli architetti modernisti ad abbellirli la via, soprattutto con case costruite per privati cittadini. Gaudì è di certo l’architetto più importante della città, che ha costruito proprio su questa via Casa Milà e Casa Batlló. Sono presenti qui edifici progettati da altri architetti molto famosi, come ad esempio Josep Puig i Cadafalch e Lluìs Domènech i Montaner. Alcuni di questi edifici, come ad esempio quelli costruiti d Gaudì, sono ancora oggi visitabili, almeno in alcune delle loro parti. Perché possano abbellire Barcellona oggi come un tempo vengono sottoposti ad una costante opera di restauro, che ne conserva le facciate, ma anche parte degli arredi e i rivestimenti interni.

Cosa fare sul passeig
Barcellona è una città che invita alle passeggiate. Il miglior modo per visitarla è proprio a piedi, gustandosi ogni edificio, gli arredi urbani, i negozi e i piccoli ristorantini che offrono tapas ad ogni ora del giorno e della notte. Lo stesso dicasi per il passeig de Gràcia, che si trova vicino al centro della città e offre molteplici spunti per una visita. Anche solo passeggiare lungo questa strada consente di assaporare al meglio Barcellona, con i suoi edifici in stile modernista, i palazzi lussuosi e i negozi delle grandi firme, come avviene per altro nella maggior parte delle grandi città europee. Perfetto per gli amanti dello shopping, il passeig offre anche numerosi spunti per una visita delle abitazioni che su di esso si affacciano, veri e propri gioiellini del passato.

Casa Batllò
Dopo aver lavorato al parco e al palazzo Guell, Gaudì fu contattato da alcune delle famiglie abbienti di Barcellona, perché costruisse le loro abitazioni. Casa Batllò nasce proprio in questo modo, come casa di famiglia per un ricco industriale tessile. Fu costruita tra il 1904 e il 1906 e ancora oggi tutte le sue peculiarità sono mantenute come allora. La si nota già da lontano, grazie al tetto che ricorda la schiena di un drago e per la sua facciata, originale e decisamente molto vistosa. Casa Batllò è visitabile ogni giorno dell’anno, per ammirare non solo la facciata ma anche gli interni, con i mobili e i rivestimenti dell’epoca. Periodicamente le opere di restauro interessano l’una o l’altra parte della casa, portando alla luce piccoli gioielli del ‘900.

Casa Milà
Casa Milà, o meglio potremmo chiamarla Palazzo Milà, è soprannominata <a href=”https://www.casabatllo.es/it/antoni-gaudi/casa-mila-la-pedrera/“>La Pedrera</a>, ossia la cava di pietra. Questo perché la sua facciata è rivestita di pietre in forme ondeggianti, a simulare contemporaneamente il mare e una parete in roccia viva. Ogni finestra e ogni balcone sono in elaborate volute di ferro battuto, con decorazioni di vario genere. Il palazzo è di 6 piani, che si articolano intorno a due cortili interni, anch’essi con decorazioni visionarie che li rendono particolarmente piacevoli. L’andamento ondeggiante e fluttuante della facciata si rispecchia in parte anche all’interno, dove è visibile oggi solo un singolo appartamento, con i mobili dell’epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>