Chi è il viaggiatore “curioso”?

di Valentina Commenta

Chi è il viaggiatore curioso? Dai dati raccolti da The Leading Hotels of the World a spostarsi attualmente è un tipo specifico di cittadino che ha imparato ad approfittare delle offerte delle agenzie per viaggiare di più ma che non si limita assolutamente in quanto ad intrattenimento.

donna fotografa

Non è sempre facilissimo creare un identikit di colui che viaggia. Il viaggiatore curioso però sembra essere quello che di più approfitta delle varie opportunità che il mondo del turismo mette a disposizione e che investe con gioia e senza rimpianti, su esperienze culturali e culinarie del luogo nel quale si reca.  Per quanto il settore non riesca a salvarsi dalla crisi generale, oltre alle famiglie che organizzano viaggi risparmiando al centesimo, vi sono anche quelle persone che benestanti desiderano poter godere di un’esperienza completa a 360° per quanto riguarda le loro vacanze. Come spiega Ted Teng, presidente di The Leading Hotels of the World che si è occupato della statistica:

Negli ultimi anni è andata a delinearsi una nuova categoria di ospiti benestanti, che Leading Hotels ha battezzato come “viaggiatori curiosi”’. Obiettivo della ricerca è stato conoscere e comprendere la filosofia ma anche i comportamenti di questo specifico segmento di mercato. Il nostro studio ha permesso di individuare un ospite con peculiarità ben precise: un viaggiatore attratto dalla scoperta di nuove culture, che evita ciò che già conosce e ama profondamente l’avventura. La nostra realtà è alla ricerca di nuove destinazioni dove arte, cultura, storia e filosofia culinaria si fondono elegantemente, per offrire a questi viaggiatori una nuova meta da esplorare.

Parliamo di una frequenza di spostamenti pari ad almeno 8 viaggi l’anno, dettata solo ed esclusivamente dal proprio volere e dal proprio gusto.

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>