Maldive, relax sull’atollo di Meemu al Medhufushi Island Resort

di Francesca Spanò Commenta

Metti una vacanza da sogno, una somma un pò più consistente lasciata da parte per un viaggio indimenticabile e la voglia di scoprire il meglio della meta tropicale per eccellenza. Se un tempo era un luogo appannaggio quasi esclusivamente per i vip, oggi le Maldive sono alla portata di quasi tutti e un soggiorno di questo tipo è davvero un desiderio che si può realizzare, se non per il Natale 2011 o il Capodanno 2012, in qualunque settimana dell’anno, a patto che si tratti della stagione migliore che va più o meno da novembre ad aprile. Cielo azzurro, sole alto nel cielo, spiagge cristalline e sabbia bianca: non un banale quadro di un paesaggio da cartolina ma una suggestione dell’animo, un tratto di globo dove i colori si sono riuniti in un trionfo perfetto. Superate le feste sarà più facile trovare un volo a prezzi più bassi per raggiungere la perla dell’Oceano Indiano e, via pensieri cattivi di crisi economica e portafogli vuoti, ogni tanto staccare davvero la spina è veramente quello che ci vuole. Come abbiamo fatto noi che, tra mille proposte, tutte di elevatissimo livello, abbiamo provato il  Medufushi Island Resort, sull’atollo di Meemu.

Un soggiorno di lusso di questo tipo, nonostante garantisca ogni tipo di comfort non è mai scontato e vi sentirete a casa completamente immersi nella natura nelle beach villas perfettamente inserite nel contesto o nelle beach suite o, ancora, nelle water villas. Senza contare la possibilità di scegliere una sistemazione diversa pensata prevalentemente per le coppie in luna di miele che vogliono vivere il sogno un pò isolati da tutti. Con le honey moon water villas potrete avere una sistemazione direttamente sul mare, non lontano dalla riva ma totalmente circondati dal meraviglioso contesto e avere a disposizione in qualunque momento un passaggio in barca per spostarvi sull’atollo e raggiungere il ristorante, la boutique, o semplicemente passeggiare tra paguri, granchi e piccoli pesci che già a riva guizzano con i loro colori.

Come si raggiungono questi incredibili atolli maldiviani? Arrivati a Malè in aereo dall’Italia, magari con un volo Sri Lankan Airlines, con scalo a Colombo come abbiamo fatto noi, vi sposterete prevalentemente in idrovolante, grazie alla  compagnia Maldivian Air Taxi e in poche decine di minuti giungerete davvero in un mondo a parte, un paradiso per pochi fortunati lontano anni luce dal traffico cittadino quotidiano dell’Occidente. L’atollo di Meemu, è un minuscolo angolo sabbioso lungo 900 metri e largo 200 tra acque basse e calde. Un lungo viaggio vi metterà addosso di certo un grande senso di fame e allora gli occhi e lo stomaco potranno godere alla vista delle pietanze tipiche della cucina indiana e dello Sri Lanka in primo luogo, ma anche giapponese e messicana in particolare. Il tutto sotto l’attento e professionale sguardo dello chef di grande esperienza Lakshman Welideniya.

Se poi non amate restare tutto il giorno al sole senza far nulla, potrete prendere parte ad una delle tante escursioni proposte dal resort o optare per uno sport che magari volete provare da tempo. Si va in questo senso dallo snorkeling gratuito passando per la pesca al tramonto, dal tour all’isola deserta al mercato tipico locale provando windsurf e surf, beach volley, immersioni o canoe,ping pong e biliardo. Se siete stanchi, quindi, potete passare dalla Spa e concedervi un massaggio o uno dei tanti trattamenti effettuati da personale esperto e a fine soggiorno una stretta al cuore vi dirà che questa è la vita che sognate e che non ci sono spese eccessive per una vacanza che resta scolpita nell’animo.

 

 

Si ringraziano: Shameen Saleem resort Manager Medufushi Island Resort, Massimo Loquenzi (Master Consulting, ufficio stampa Sri Lankan Airlines), Maldivian Air Taxi, Sri Lankan Airlines e Kuda Travel

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>