Vacanze last minute: il must dell’estate 2012

di Francesca Spanò Commenta

Non potrebbe essere diversamente del resto: i portafogli sono davvero vuoti e certe mete, soprattutto all’estero si possono solo sognare. Se leggete su Facebook o Twitter notizie di viaggio in merito ai vostri amici e vi chiedete come diavolo abbiano fatto a concedersi partenze ben costose, non temete potrebbero essersi affidati ad un last minute. Del resto che male c’è, anzi è una scelta molto furba a patto di non avere una meta già stabilita ed essere pronti a preparare velocemente la valigia. Al momento in cui si ha la certezza dei giorni di ferie può iniziare la ricerca e magari potreste trovarvi a rilassarvi in un luogo che non avevate affatto sperato.

Certo pure in questo periodo di incertezza totale, c’è qualcuno che può permettersi soggiorni importanti senza ricorrere a qualche trucco, ma in generale il settore del turismo non va bene e partono gli sconti. Qualcuno opta pure per i più rari last second, viaggi davvero dell’ultimo secondo con partenze entro un paio di giorni. Tutto pur di risparmiare ma non perdersi l’unico lusso che ci si concede nel periodo di ferie estive.

Del resto, se fino a qualche settimana fa si parlava di italiani chiusi tutta la settimana tra le quattro pareti domestiche e pronti a concedersi solo il weekend al mare per risparmiare, adesso le cose sembrano non essere proprio così. Fuori casa si va lo stesso e se non si trova il proprio last minute, il viaggio si paga a rate. Questo almeno è valido per la maggior parte degli italiani del Belpaese, ma di sicuro la situazione economica dello Stivale è tanto precaria. Si cercano soprattutto mete non troppo lontane o care come l’Egitto, la Spagna o la Grecia, con un occhio alle Canarie e alle Baleari che pure quest’anno, si prevede saranno abbastanza affollate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>