In Croazia al museo dei cuori infranti

di Francesca Spanò Commenta

 

Quante volte di fronte ad una delusione d’amore vi è stato detto di mollare tutto e di partire per un viaggio. Alla fine avete ritenuto anche voi che fosse la soluzione migliore, ma se siete i tipi che amano farsi del male e pensare sempre al passato, potreste trovare pane per i vostri denti in Croazia. In più non dovreste per forza allontanarvi troppo. Si perché da queste parti c’è una struttura che fa al caso vostro. Parliamo del museo dei cuori infranti, che non si può certo dire che non sia bizzarro.

Se i viaggi sono sempre una medicina per chi non ce la fa più e pensa di cambiare aria per un pò per ricominciare, il Museum of Broken Relationship, che è ospitato nel palazzo Kulmer, a Zagabria è unico. C’è un motivo per il quale sono stati creati i padiglioni che, del resto, sono stati curati nel minimo dei dettagli. Secondo i creatori che sono Olinka Vistica e Drazen Grubisic servirebbero a “superare il collasso emozionale della perdita attraverso la creazione”. 

All’interno quindi non vi sentirete soli, anche se in una situazione del genere forse sarebbe il caso di distrarsi e pensare ad altro. Ecco comunque che all’interno potrete trovare consigli, opere d’arte e oggetti che ricordano legami finiti. In più, dato curioso e da non sottovalutare, il visitatore può contribuire personalmente alla collezione e può donare oggetti che ricordano la propria storia. In questo caso, diventa un pò il museo di tutti e viene voglia di ritornare per sentirsi a casa, per sentire ancora i ricordi intorno a sé mentre la propria anima è libera di sentirsi persa nel passato. Di sicuro è un luogo molto frequentato e non sarà mai fuori moda, perché purtroppo sono eventualità che capiteranno sempre. L’appuntamento, quindi, è in Croazia, ma se proprio volete metterci una pietra sopra allora rimandate la visita a quando state meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>